Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strumenti di ecodesign per le piccole-medie imprese

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 1. Introduzione La tesi è inserita nel progetto “eLCA”, finanziato dall’Unione Europea, e finalizzato alla realizzazione di un sito web rivolto alle piccole medie imprese. Il sito sarà un luogo dove le piccole-medie imprese (PMI) potranno trovare raccolti tutti gli elementi utili a comprendere e avviare interventi di IPP e costituirà un punto di accesso a servizi più sofisticati per l’implementazione di interventi di IPP (consulenza sia on-line che off-line). La tesi rientra nell’ambito del lavoro svolto dall’ENEA, coordinatore del progetto. 1.1 Il Problema Il progetto si propone, tra l’altro, di sviluppare strumenti di ecodesign che consentano alle piccole-medie imprese di trovare una convenienza nell’incorporazione della variabile ambientale all’interno dei loro prodotti e processi. Le PMI necessitano di strumenti idonei al loro modo di operare. In particolare la variabile ambientale deve essere integrata con altri aspetti di innovazione e introdotta mediante un approccio graduale. A tal riguardo uno studio preliminare (Barbiroli, Raggi, 2001) ha identificato molti elementi potenzialmente positivi in particolare per le PMI del settore meccanico, in una metodologia basata sul Quality Function Deployment (QFD) che comprenda sia i requisiti classici di qualità e bisogni del cliente, sia gli aspetti ambientali. Il passo successivo da compiere nella direzione di uno sviluppo di uno strumento di Ecodesign è verificare concretamente in un caso studio la validità e praticabilità dell’approccio proposto. 1.2 L’Obiettivo Nello specifico la tesi intende descrivere lo stato dell’arte dell’integrazione tra QFD e variabili ambientali e valutare l’applicabilità di uno strumento di Ecodesign basato sul Quality Function Deployment for Environment (QFDE) in combinazione con la metodologia LCA attraverso la sperimentazione su un caso studio.

Anteprima della Tesi di Stefano Pistis

Anteprima della tesi: Strumenti di ecodesign per le piccole-medie imprese, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Stefano Pistis Contatta »

Composta da 129 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2580 click dal 30/06/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.