Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La valorizzazione del territorio come strategia competitiva nel mercato globale del lusso. I casi Artigiana Sartoria Veneta, Salviati e Cipriani Industria

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Le tre imprese infatti basano la propria strategia di marketing e di costruzione del marchio sull’appartenenza territoriale e tuttavia traggono la maggior parte dei propri ricavi dai mercati esteri, a dispetto delle piccole dimensione e dell’assenza di investimenti diretti fuori dall’Italia. Grande importanza in questo studio ha avuto il lavoro di Grandinetti e Rullani (1996) in cui i due autori rilevano come le nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione favoriscano la messa in pool di realtà locali e globali, valorizzando quindi la base domestica delle imprese senza che essa sia necessariamente cancellata da fenomeni di standardizzazione. Inoltre Grandinetti e Rullani sottolineano che fra gli attori della nuova internazionalizzazione non vi sono più solo le grandi multinazionali ma anche piccole e medie imprese, come i case history, e distretti industriali. Nella ricerca poi si è fatto riferimento al concetto di nuovo lusso ipotizzato da Silverstein e Fiske (2003), caratterizzato da una compresenza di valenze emozionali e di standard qualitativi elevati che può interessare anche prodotti di prezzo non particolarmente elevato che si vanno a collocare al vertice della propria categoria merceologica. Tali prodotti si caratterizzano per un prezzo premium rispetto al settore di riferimento senza però risultare comunque inaccessibili alla classe media come gli old luxury brands, da cui si differenziano anche per un più profondo coinvolgimento emotivo dei consumatori non basato solo su valori di status ed ostentazione. A questo proposito si è fatto anche riferimento ai cambiamenti intervenuti nel rapporto fra produzione e consumo, per capire l’attualità del modello dei casi. Si è parlato dunque della tecnologia, evidenziando come l’automazione flessibile (Woomack, Jones, Roos, 1991) abbia reso economicamente sostenibile una produzione industriale in piccoli lotti che rende di nuovo attuale il paradigma pressoché artigianale dei case-history.

Anteprima della Tesi di Gianluigi Zarantonello

Anteprima della tesi: La valorizzazione del territorio come strategia competitiva nel mercato globale del lusso. I casi Artigiana Sartoria Veneta, Salviati e Cipriani Industria, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Gianluigi Zarantonello Contatta »

Composta da 239 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9129 click dal 05/07/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.