Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Macropolitiche per la gestione della diversità etnica. il caso dei Rom nella Repubblica Ceca.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1 Capitolo I Il concetto di minoranza etnica nel dibattito teorico, nel diritto e nella prassi internazionali. 1.1. Dibattito teorico. “Tutte le nazioni del mondo hanno le loro minoranze”: suona come una condanna la frase di Gérard Chaliand (1993). Di fatto i due concetti: Stato-nazione e minoranza, sono più legati di quello che possa sembrare a prima analisi. I problemi delle minoranze, come li conosciamo oggi, derivano direttamente dallo Stato-nazione. Solo con la nascita di quest’ultimo, con una definizione rigida delle frontiere politiche e con l’avvenimento di un governo centralizzato all’interno del territorio da queste frontiere definito, solo allora i popoli minoritari sono diventati un “problema” che sembra, anche, irrisolvibile. E di conseguenza, le minoranze lottano per avere i propri Stati-nazione sempre più piccoli che permettano loro di difendere i propri diritti dalle non soddisfacenti strategie dello Stato-nazione grande, dominato da una maggioranza Nella vastissima bibliografia politologica che tratta il tema del nazionalismo, delle nazioni ed del loro rapporto con lo Stato, si trovano relativamente poche opere che trattino dei diritti delle minoranze. Diciamo che i pensatori politici degli ultimi due secoli si sono occupati molto di problemi come la legittimazione dello Stato, la formazione della nazione, della nazionalità, dell’istituto di cittadinanza, ma meno della gestione delle differenze culturali. 1 Nelle pagine seguenti vengono trattati solo alcuni aspetti di questo ampio dibattito, utili ai fini dell’obiettivo di questa ricerca. Comunque vengono tralasciate le opere del pensiero socialista poiché il marxismo classico pensa al conflitto etnico in termini di conflitto di classe camuffato e crede che l’umanità trarrebbe solo qualche vantaggio liberandosi dal pregiudizio del nazionalismo. 1 Per differenze culturali qui si intendono quei fenomeni che derivano dal fatto di appartenere a diverse etnie, lasciando fuori dalla discussione tutte le problematiche delle diversità sociali che possono dar luogo al linguaggio o ai tipi di comportamento più vari (come il femminismo, le subculture giovanili, etc.).

Anteprima della Tesi di Maria Gontcharenko

Anteprima della tesi: Macropolitiche per la gestione della diversità etnica. il caso dei Rom nella Repubblica Ceca., Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Maria Gontcharenko Contatta »

Composta da 109 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1575 click dal 06/07/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.