Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Struttura finanziaria e meccanismo di trasmissione della politica monetaria

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 Consiglio Direttivo della BCE (in sede di prima nomina è stato consultato il Consiglio dell'IME). I poteri del Presidente sono circoscritti, essendo il SEBC retto da organi collegiali: egli presiede il Consiglio Direttivo e il Comitato Esecutivo, rappresenta la BCE all'esterno e impegna giuridicamente la stessa verso i terzi con le sue decisioni. L'impegno di ciascun componente è a tempo pieno, non potendo esercitare altra funzione, tranne in casi eccezionali in cui il Consiglio Direttivo ne permetta la deroga. Il loro mandato ha una durata di otto anni e non è rinnovabile. Per le prime nomine la durata del mandato differisce per i vari componenti, scaglionata dai quattro agli otto anni. In tal modo i rinnovi del Comitato saranno parziali, a garanzia di continuità e indipendenza della sua azione. Le funzioni più importanti assegnate dallo Statuto al Comitato Esecutivo riguardano principalmente la responsabilità nella gestione degli affari correnti della BCE. Il Comitato, infatti, oltre ai normali compiti di amministrazione, di gestione del personale, di dotazione del capitale informatico, si preoccupa di dare attuazione alle decisioni di politica monetaria del Consiglio Direttivo, impartendo istruzioni alle banche centrali nazionali che sono diventate, pertanto, il braccio operativo della Banca Centrale Europea 2 . Il Comitato si occupa, inoltre, di controllare l'andamento dei mercati ed il rispetto delle istruzioni da parte delle banche centrali nazionali. Infine, esso può vedersi attribuite su delega del Consiglio Direttivo ulteriori funzioni, non espressamente previste dallo Statuto. 2 Ad esempio, se il Consiglio Direttivo decidesse che la Banca centrale debba mirare a far crescere nell'area dell'Euro l'aggregato monetario ampio M3 del 4,5% (così come deliberato dal Consiglio il 1° dicembre 1998) e il tasso di interesse del mercato monetario del 3%, allora il Comitato Esecutivo renderebbe noto alle banche centrali nazionali la frequenza e l'importo delle operazioni di politica monetaria coerenti con il rispetto delle decisioni del Consiglio.

Anteprima della Tesi di Salvatore Camerlingo

Anteprima della tesi: Struttura finanziaria e meccanismo di trasmissione della politica monetaria, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Salvatore Camerlingo Contatta »

Composta da 148 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6542 click dal 07/07/2004.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.