Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Progetto di un banco prova per sistemi di iniezione Diesel ad alta pressione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1. La combustione per autoaccensione - 1.4 Le fasi della combustione Pagina - 8 - intervallo di valori dei parametri che definiscono le condizioni di funzionamento del motore e della carica nel cilindro. 1.4.2 Iniezione In determinati istanti del ciclo di funzionamento, studiati per ridurre sia la rumorosità che la formazione di sostanze inquinanti, piccoli volumi di combustibile liquido attraversano gli ugelli degli iniettori e, a spese del salto di pressione cui sono soggetti, acquistano velocità (sin’anche a 120 m/s) entrando nei singoli cilindri. Il livello di pressione cui è portato il combustibile (oggi possono su- perare i 2000 bar) non è in alcun modo giustificato dalla sola necessi- tà di introdurlo nella camera, nella quale all’istante di fine compres- sione si possono raggiungere pressioni massime dell’ordine di 4050 bar, in dipendenza dal rapporto di compressione geometrico che ca- ratterizza il motore. Ciò che in realtà rende necessario il raggiungi- mento di una pressione così elevata, è un’ulteriore funzione cui la fa- se di iniezione deve assolvere: la frammentazione del getto in miriadi di finissime goccioline. Si vuole, in effetti, che il singolo getto liquido iniettato, non si pre- senti come flusso cilindrico indisturbato ma si apra verso l’esterno e si rompa in frazioni, seppur liquide, piccolissime (diametro medio 10 µm). Giacché il limite minimo tecnologico dei diametri dei fori su- gli iniettori oggi si aggira attorno ai 140 µm, ciò non può che realiz- zarsi producendo tra monte e valle dell’ugello-iniettore una grande differenza di pressione, la quale provoca un’altrettanto elevata velo- cità del getto, il quale, a seguito dell’interazione con l’aria presente nel cilindro (scambio di quantità di moto ed amplificazione di effetti caotici di ondulazione del getto) si rompe, frammentandosi in piccoli volumetti liquidi ed aumentando a dismisura la superficie all’interfaccia, utile per le successive fasi della combustione.

Anteprima della Tesi di Alberto Castellani

Anteprima della tesi: Progetto di un banco prova per sistemi di iniezione Diesel ad alta pressione, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Alberto Castellani Contatta »

Composta da 138 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3608 click dal 07/07/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.