Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il legato gravante sulla legittima

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 Se per se stessa è lecita, la modalità è solo parzialmente nulla, nella misura in cui grava sulla legittima; se è illecita, cade interamente a norma dell’art. 634 c.c., o dell’art. 647 3 c.c. (salvo l’art. 626 c.c.) 18 . Inoltre, se la modalità apposta all’istituzione del legittimario in una quota maggiore di quella riservata è in sé lecita, essa può formare materia di una valida clausola del tipo della cautela sociniana, per cui il legittimario può scegliere se accettare la quota maggiore cum onere, oppure, rifiutando il peso, conseguire la sola quota di riserva. Non si tratta di una disposizione alternativa in senso proprio 19 , ma di una istituzione condizionata per la parte eccedente la legittima. La condizione è valida perché il testatore è libero di apporre alla disponibile qualunque condizione, purché lecita. D’altro canto, il legittimario è libero di disporre del suo diritto: come può rinunciare alla legittima, così può accettare la maggior quota lasciatagli dal testatore sotto condizione di non rifiutare l’onere per la parte gravante sulla legittima. 18 Meno approfondita l’analisi di AZZARITI G., op. cit., pag.124, secondo la cui opinione, dal divieto dell’art. 549 c.c, si trae che la condizione imposta nell’istituzione di erede, mediante la quale viene devoluta una quota maggiore di quella di legittima, è operativa solo in relazione ai beni che superino la quota spettante al legittimario, mentre, nei limiti del valore di questa, la condizione si considera per non apposta (arg. art. 634 c.c.). 19 MENGONI L., op. loc. ult. cit.; AZZARITI G., op. loc. ult. cit., concorda nella sostanza, ma qualifica l’ipotesi come disposizione alternativa.

Anteprima della Tesi di Giada Righetto

Anteprima della tesi: Il legato gravante sulla legittima, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giada Righetto Contatta »

Composta da 130 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7586 click dal 08/07/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.