Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il turismo culturale nelle città d'arte. Il caso di Trento

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 E’ possibile dividere i visitatori di una città in una prima e generica scomposizione in due categorie: escursionisti e turisti. Sono definiti turisti 2 tutti coloro che pernottano in una struttura ricettiva della città, mentre gli altri che non pernottano sono definiti propriamente escursionisti. In un gran numero di località quest’ultima categoria prevale su quella dei turisti veri e propri. In città troviamo anche la presenza di pendolari, ovvero i lavoratori e gli studenti delle zone limitrofe. Questa classificazione è stata molto semplificata, solamente per chiarire la differenza tra turisti ed escursionisti e per iniziare a comprendere la complessità di cui può essere soggetto il concetto di visitatori e di turismo nelle città d’arte. Il turismo urbano viene stimolato inoltre da alcuni cambiamenti che coinvolgono le preferenze del turista moderno, come la ricerca di forme attive di turismo e l’uso dell’aereo, che viene incluso all’interno del pacchetto di viaggio sempre più frequentemente. Le città in questo modo risultano essere molto accessibili, in quanto molti aeroporti sono stati ristrutturati e messi in relazione con il centro vicino. Nonostante il fatto che le città siano una concentrazione di valori culturali, di attrazioni, di tradizioni, motivo per il quale potrebbero essere potenzialmente molto attraenti per i viaggiatori, solo poche di esse sono riuscite a rendere il turismo urbano un’attività economica di rilievo. Il turismo nelle città risulta essere ancora un mercato poco sviluppato, ma offre delle notevoli potenzialità di crescita nel momento in cui esso venga studiato e adeguato ai cambiamenti della domanda. Per quanto riguarda le tendenze attuali, le città d’arte minori sono quelle in grado di offrire, più di tutte, delle ricchezze storiche e culturali in abbondanza, con un servizio personale ed accurato. 2 Definizione del World Tourism Organization, senza tener conto della motivazione, comprese quelle d’affari, di lavoro e di studio.

Anteprima della Tesi di Rosemary Colino

Anteprima della tesi: Il turismo culturale nelle città d'arte. Il caso di Trento, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Rosemary Colino Contatta »

Composta da 232 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 15504 click dal 13/07/2004.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.