Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La tutela successoria del convivente more uxorio

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

possa essere sottoposta alla condizione della morte (si moriar) o della premorienza (si premoriar) del donante. Sul punto, un consolidato orientamento della giurisprudenza di legittimità si è da tempo espresso in senso favorevole, per il fatto che l’evento della morte non rientrerebbe, in questi casi nel congegno causale, rimanendo solo un elemento accidentale del negozio 16 . Tuttavia sembra preferibile 17 considerare nulle anche siffatte donazioni, perché sostanzialmente compiute in frode alla legge (art. 1344 c.c.). Secondo alcuni 18 , sembra possa escludersi invece che ricada nel novero dei patti successori la donazione con clausola di premorienza del donatario, nel qual caso, appunto, la donazione si risolverà. In questa ipotesi , pertanto il donante riotterrà la disponibilità di quanto donato ( o di quanto ne rimanga ), evitandosi che il medesimo passi ai successori del donatario, ed è proprio questo il risultato genuino che si vuole conseguire con il contratto di donazione così congegnato. La non configurabilità della suddetta donazione come patto successorio dipende dal fatto che essa realizza subito l’effetto traslativo, risolubile solo se il donatario premuore al donante. Va ricordato però che, rispetto a questo congegno, alcuni avanzano il sospetto della nullità per fraus legis, ai sensi dell’art. 1344 c.c. 19 16 In tal senso, Cass. 6 marzo 1950, n. 576, in Mass. Foro it., 1950, c. 127; Cass. 21 gennaio 1959, n. 140, in Foro. it., 1959, I, c. 580; Cass. 9 luglio 1976, n. 2619, in Mass. Foro it., 1976, c. 549 17 Come sostengono C. COPPOLA in La successione del convivente more uxorio, op. cit., p.725ss., e G. OBERTO in I regimi patrimoniali della famiglia di fatto, op. cit., cap. 4, p.301ss. 18 V. G. BONILINI, Il mantenimento post mortem del coniuge e del convivente more uxorio, op.cit., p. 9. 19 V. G. BONILINI, Il mantenimento post mortem del coniuge e del convivente more uxorio, op.cit., p. 9.

Anteprima della Tesi di Amedeo Giulio Giannotti

Anteprima della tesi: La tutela successoria del convivente more uxorio, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Amedeo Giulio Giannotti Contatta »

Composta da 187 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6706 click dal 13/07/2004.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.