Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Realizzazione di un sistema tomografico per l'esecuzione di prove non distruttive su materiali conduttori

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

La ricostruzione dei fronti d'onda (mediante la stessa luce utilizzata per costruire l'ologramma) è un sistema molto affidabile per immagazzinare una grandissima quantità d’informazioni in una piccolissima quantità di spazio; quando su uno stesso ologramma si registrano, successivamente, due immagini di uno stesso oggetto in condizioni leggermente diverse (per esempio, con il componente in esame sottoposto a carico termico o di pressione) si riescono ad evidenziare, mediante la sovrapposizione dei campi ondulatori, le più piccole deformazioni o discontinuità sottoforma di un sistema di frange d’interferenza. Questo tipo d’analisi, prevalentemente di tipo qualitativo, può tuttavia fornire utili informazioni di carattere quantitativo utilizzando opportuni algoritmi ed applicando il processamento digitale delle immagini con analisi computerizzata degli interferogrammi. Recentemente, attrezzature strumentali d’avanguardia, hanno consentito di modificare l'iniziale concetto dell'interferometria olografica quale "tecnica da laboratorio" rendendo possibile la sua applicazione direttamente sul campo. In particolare tali apparecchiature sono rappresentate da laser "pulsanti" d’elevata potenza che permettono la realizzazione dell'ologramma in un brevissimo intervallo di tempo (20 ns), durante il quale avviene l'emissione della radiazione luminosa. Di conseguenza, considerando l'estrema brevità dell'impulso, tutte le variabili esterne al sistema che potrebbero influenzare il risultato delle analisi, sono trascurabili; tuttavia successivi sviluppi strumentali in questo tipo d’analisi non distruttiva lasciano intravedere in un prossimo futuro il raggiungimento di numerosi obiettivi, quali ad esempio: - alta sensibilità alle deformazioni dell'oggetto in esame; - capacità d’ispezione panoramica; - risultati costituiti da immagini con conseguente evidenza oggettiva dei controlli; - possibilità d’utilizzo del processamento digitale delle immagini per automatizzare l'esame e le valutazioni dei risultati; - 6 -

Anteprima della Tesi di Alessandro Abati

Anteprima della tesi: Realizzazione di un sistema tomografico per l'esecuzione di prove non distruttive su materiali conduttori, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Alessandro Abati Contatta »

Composta da 139 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1390 click dal 13/07/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.