Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Marx e il "socialismo reale"

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 processo di industrializzazione e sulla convinzione di poterne annullarne i difetti dovuti alla forma capitalistica; l’idea della potenziale fraternità del genere umano; l’idea che la rivoluzione proletaria moderna potesse essere opera soltanto delle masse proletarie, fondata sugli insegnamenti delle rivoluzioni moderne e dei loro sviluppi in Inghilterra e in Francia; l’idea che l’incontro tra rivoluzione, masse proletarie ed intellettuali socialisti potesse condurre l’umanità al raggiungimento di quell’armonia fra singolo e collettività, Stato e Stato, nazione e nazione, che aveva costituito il perfetto sogno di tutti coloro che avevano desiderato la pace universale, la fine della miseria materiale, la felicità collettiva. Ciò che andrebbe recuperato è la fede, la convinzione e la passione che accompagna l’idea del rifiuto e della trasformazione di un mondo che lede ed offende la dignità della maggior parte degli esseri umani. Ciò che senza dubbio può e deve essere recuperato e valorizzato della teoria marxiana, perché sempre valido ed attuale, è il suo potenziale critico nei confronti della nostra condizione. Molte delle aspirazioni che Marx esprime nella sua opera più conosciuta e diffusa, il Manifesto del Partito Comunista, sono state oggi realizzate nei paesi “capitalistici” e sono quindi divenute patrimonio comune dell’Occidente. Mi riferisco all’abolizione del latifondo, all’imposizione fiscale progressiva riconosciuta solennemente dalla nostra Costituzione, al controllo statale di istituti di credito e di trasporto, al diritto al lavoro ed all’educazione obbligatoria, all’abolizione del lavoro minorile. Nell’epoca dei nazionalismi ottocenteschi il Manifesto incita all’internazionalismo con il motto: “Proletari di tutti i paesi, unitevi!” e forse preannuncia l’importanza odierna per i legami internazionali, e per le istituzioni che uniscono movimenti, sindacati, popoli, Stati, governi. Sbaglia chi parla di morte, di fine o crollo del comunismo come idea.

Anteprima della Tesi di Isabella Casali

Anteprima della tesi: Marx e il "socialismo reale", Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Isabella Casali Contatta »

Composta da 283 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9793 click dal 13/07/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.