Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Marx e il "socialismo reale"

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 significativo contributo alla comprensione della vicenda sovietica nel contesto storico del XX secolo né dal punto di vista della conoscenza, né dell’analisi. Ovviamente coloro che si avvicinano con un atteggiamento di critica, di volontà di comprendere, sono gli unici a poter dare un apporto rilevante; tuttavia, spesso, le loro opere, confinate nell’ambito accademico, hanno scarso eco. Così, nell’accezione comune il termine “comunismo” è sinonimo di un’economia centralizzata con il controllo statale delle industrie, della proprietà privata, dei flussi monetari, degli scambi e dei prezzi; una società che non garantisce la libera espressione dell’individuo e che livella ogni caratteristica personale; la società dell’eguaglianza nella miseria. Questo concetto è assai lontano dal sistema di nuovi rapporti sociali basati sulla proprietà collettiva dei mezzi di produzione ritratta da Marx, ed anche da Lenin, nei rispettivi scritti. Anche la più generica lettura dei testi di Marx ci svela come la sua idea di “comunismo” sia dissimile, discordante da quello che gli ideologi brezneviani coniarono alla fine degli anni ‘70 con il termine di “socialismo reale” o “realizzato”. Le dissonanze sono evidenti. Del resto l’attuazione pratica di una teoria che pure nasce proprio dall’analisi della realtà stessa, difficilmente in condizioni reali può realizzarsi tout court e questo vale in special modo per la Russia, essendo una nazione con caratteristiche talmente differenti rispetto alle nazioni verso le quali Marx volgeva la sua analisi e le sue previsioni, da rendere assolutamente necessario un suo “stravolgimento”. Un argomento più interessante è, per tale motivo, quello di vedere in che misura le società socialiste del XX secolo, ed in questo caso particolare l’URSS, si siano avvicinate o protese verso quel tipo di “comunismo” che prevedeva un nuovo modo di produzione; esaminare se, nonostante le varie problematiche interne ed esterne il Partito bolscevico, detto poi comunista, si

Anteprima della Tesi di Isabella Casali

Anteprima della tesi: Marx e il "socialismo reale", Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Isabella Casali Contatta »

Composta da 283 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9793 click dal 13/07/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.