Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Codice delle Due Sicilie del 1819

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 Si tratta di una preziosa testimonianza dei contatti fra ambienti vi- cini alla cultura Lombardo-Veneta e il Meridione, che va inserito in quel più ampio contesto europeo nel quale il dibattito filosofico, dogmatico e “pratico” sulla penalità era tutt’altro che ai margini. Come spiegare altrimenti le numerose traduzioni delle opere di Pel- legrino Rossi, Chauveau-Hélie, Bentham e Bexon? “La recezione delle dottrine straniere sul diritto penale presenta […] alcuni aspetti peculiari nei centri che furono più attivi in questo campo, e cioè Napoli ed il Granducato di Toscana”. 34 Non estranei a questo respiro europeo della riflessione penalistica furono anche Nicolini ed Englen. In particolare il primo emerge, nel nostro lavoro, come un personaggio-chiave non solo per comprende- re la genesi del Codice penale napoletano; fu un giurista dalla for- mazione culturale solidissima e di un’autorevolezza esemplare. Per queste sue qualità ci ricorda prima facie un suo contemporaneo che qualche anno prima, molto più a nord, poneva le salde basi del dirit- to criminale della sua terra, dall’altro capo dell’Europa: «Baron» David Hume 35 in Scozia. Ma conviene ora soffermarci sul alcuni aspetti — biografici, ma non solo — dei componenti della seconda sezione della Commissione che, in poco meno di due anni, dall’insediamento al giugno del 1817, a- 34 M. T. NAPOLI, op. cit., p. 187. Sulla rilevanza che ebbe nell’ambiente partenopeo fino all’Unità il dibattito giuscomparatistico in materia criminale, v. amplius infra. 35 Sulla figura del più illustre penalista scozzese di tutti i tempi come “institutional writer” v. A. CADOPPI – A. MCCALL SMITH, Introduzione allo studio del diritto penale scozzese, Ce- dam, Padova, 1995, pp. 22ss; nella letteratura scozzese v. amplius D. M. WALKER, The Scot- tish Jurists, 1985, pp. 317-336.

Anteprima della Tesi di Simone Bruni

Anteprima della tesi: Il Codice delle Due Sicilie del 1819, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Simone Bruni Contatta »

Composta da 139 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6672 click dal 14/07/2004.

 

Consultata integralmente 17 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.