Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Codice delle Due Sicilie del 1819

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 staurato. Invero, la storia successiva avrebbe rivelato, dalla rivolu- zione costituzionale del ’20 agli avvenimenti del ’48, le debolezze di un tale assunto, e che proprio l’assenza di un quadro costituzionale solido, di una base di garanzie e di libertà anche politiche, avrebbe messo a dura prova l’assetto istituzionale e lo stesso “pregevole edi- ficio” che era il nuovo Codice. 8 Ma, ritornando a noi, occorre ora fissare l’attenzione sugli autori del progetto di questo possente corpus normativo. 8 A. M. STILE, Il Codice penale delle Due Sicilie, in AA. VV., Diritto penale dell’Ottocento. I codici preunitari e il Codice Zanardelli, Studi coordinati da S. Vinciguerra, Cedam, Pado- va, 1993, p. 190.

Anteprima della Tesi di Simone Bruni

Anteprima della tesi: Il Codice delle Due Sicilie del 1819, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Simone Bruni Contatta »

Composta da 139 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6667 click dal 14/07/2004.

 

Consultata integralmente 17 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.