Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La comunità ebraica di Terni

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 1.2 Concezioni religiose degli ebrei e dei cristiani intorno alla liceità di percepire l’interesse La dottrina, ovvero le concezioni dei teologi, sia cristiana che ebrea, circa il commercio ebreo del denaro, fornisce due precise interpretazioni della fattispecie. La dottrina ebraica evidenzia come il prestito del denaro fosse noto, in forme estremamente elementari, lungo tutto il periodo biblico; ma le Antiche Scritture proibirono e condannarono qualsivoglia compenso sul prestito fatto fra Ebrei, poiché consideravano questo un atto di solidarietà e non un affare. Solo in un passo si trova scritto: “Potrai percepire un interesse dallo straniero, ma non potrai percepirne dal tuo fratello…” 9 . Essenzialmente, si trattava di impedire agli Ebrei di passare dall’usura in generale all’usura tra fratelli 10 , una volta intrapresa questa attività. Nonostante la tradizione talmudica si dimostrasse assolutamente ferma riguardo alle posizioni da assumere nei confronti del prestito ad interesse, la letteratura rabbinica è più flessibile. I rabbini sottolineano una duplice necessità: una necessità sociale, in quanto la dispersione degli Ebrei rende illusorio ogni tentativo di limitare i loro contatti con i non-Ebrei, ed una economica, poiché il commercio – in particolare quello del denaro – diventa l’unico mezzo di sopravvivenza 11 . A sostegno di questa posizione esiste la testimonianza di Rabbenou Tam 12 , che nella prima metà del XII secolo pone l’accento sul commercio del denaro, evidenziando come questa attività sia importante per l’ebreo. 9 Rif. Al versetto Deut. XXIII, 20. 10 Si consultino, per eventuali approfondimenti, le seguenti opere: L. Poliakov, I banchieri ebrei e la Santa Sede dal XIII al XVII secolo, cap. II, Vicenza 1974; e La Michna. Texte hebreu ponctué et vocalisé traduit par les membres du Rabinat Français, VIII : Baba Kama-baba metzia, ed. R. Weill, Paris 1973. 11 Cfr. L. Poliakov, op. cit. ,Vicenza 1974, pag.29. 12 Rabbenou Tam è citato da L. Poliakov in Les banchieri juifs et le Saint Siège du XIII au XVII siècle, Paris 1965. Egli fu uno dei rabbini più importanti della comunità ebraica francese nel XII secolo.

Anteprima della Tesi di Eleonora Manni

Anteprima della tesi: La comunità ebraica di Terni, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Eleonora Manni Contatta »

Composta da 130 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3328 click dal 14/07/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.