Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Open Source: un'alternativa reale al software proprietario

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 2. STORIA dal free software... Il concetto di free software non è nuovo. Quando le università cominciarono ad adottare i computer, essi erano strumenti per la ricerca. Il software veniva scambiato liberamente e i programmatori venivano pagati per l'atto della programmazione e non per il programma in sé. Solo più tardi, quando il mondo degli affari e del commercio adottò i computer, i programmatori cominciarono a mantenersi limitando i diritti d'uso del loro software e facendosi pagare per ogni copia. Il free software come idea politica cominciò ad essere popolare dal 1984, grazie a Richard Stallman e alla FSF. Stallman era un dipendente del dipartimento di Intelligenza Artificiale (Artificial Intelligence, AI) del MIT (Massachusetts Institute of Technology) che si occupava di migliorare il sistema operativo (chiamato ITS, Incompatible Timesharing System, Sistema Incompatibile di Timesharing 3 ) del laboratorio, sistema forgiato per il Digital PDP-10, un grande elaboratore che uscì di produzione in quel periodo. Questo significò, naturalmente, che la maggior parte dei programmi sviluppati per quel sistema non avrebbero più potuto essere utilizzati, in quanto i moderni elaboratori di quell'epoca avevano ognuno il proprio sistema operativo e per nessuno di questi era disponibile il codice sorgente che avrebbe permesso, a chi ne avesse avuto l'esigenza e le capacità, di compilare il proprio software per quello specifico sistema. Vista la situazione che si andava delineando, due sole erano le alternative: Stallman avrebbe potuto semplicemente unirsi al mondo del software proprietario, firmando accordi di non-diffusione (ma aveva già sperimentato cosa questo significasse per chi lo firmava, quando qualcuno rifiutò a lui e al laboratorio AI del MIT il codice sorgente del programma di controllo di una stampante che mancava di alcune funzionalità), oppure avrebbe potuto cercare di costruirsi personalmente il software necessario per utilizzare il computer, partendo ovviamente dalla programmazione del sistema operativo. 3 Si parla di timesharing (condivisione di tempo) quando il processore dedica una parte del proprio tempo ad ogni applicazione, in sequenza.

Anteprima della Tesi di Luigi Vargiu

Anteprima della tesi: L'Open Source: un'alternativa reale al software proprietario, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Luigi Vargiu Contatta »

Composta da 79 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2854 click dal 21/07/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.