Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il trattamento dei membri di organizzazioni terroristiche internazionali con particolare riguardo al ''caso Guantanamo''

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 INTRODUZIONE La presente tesi ha preso spunto dall’acceso dibattito in corso tra i giuristi sul trattamento cui hanno diritto le persone accusate di appartenere all’organizzazione terroristica internazionale al Qaeda, catturate e detenute nella base militare statunitense a Guantanamo, Cuba. Come è noto, a seguito dei gravi atti terroristici commessi l’11 settembre 2001 sul suolo statunitense da individui appartenenti a tale organizzazione, il Presidente Bush dichiarava che tali atti avevano creato uno stato di “conflitto armato” con gli Stati Uniti, proclamava a sua volta ripetutamente “guerra al terrorismo”, chiedeva ed otteneva dal Congresso l’autorizzazione ad utilizzare le forze armate per combattere i terroristi internazionali, “ovunque si trovino”, e i Governi che li sostenevano e fiancheggiavano. Il 7 ottobre 2001 gli Stati Uniti, invocando il diritto alla legittima difesa individuale e collettiva, iniziano una vasta operazione militare in Afghanistan volta, non solo a smantellare le basi di al Qaeda, a catturarne i capi (in primis il saudita bin Laden) e a fermare l’azione dei “jihadisti”, ma anche a rovesciare il Governo afghano, espressione dei Talebani, accusati di tollerare e sostenere al Qaeda. Sin dall’inizio delle operazioni militari, centinaia di persone, tra cui i membri del regime talebano e altri individui sospettati di collusione a vari livelli con il terrorismo internazionale, sono state catturate dalle forze afghane anti-talebane e dalle forze armate statunitensi. Nel gennaio 2002, il Governo statunitense ha cominciato a trasferire gruppi di prigionieri detenuti nelle basi militari in Afghanistan a Camp X-Ray, campo di prigionia provvisorio situato nella base navale statunitense di Guantanamo, a Cuba. Ai sospetti “terroristi” catturati durante il conflitto armato in Afghanistan si sono in seguito aggiunti altri individui, sempre sospettati di terrorismo internazionale, catturati in altri Paesi, indipendentemente dal conflitto armato afghano. Le condizioni del trasferimento dei prigionieri – incappucciati, ammanettati, in uno stato di totale deprivazione sensoriale, legati da catene al pavimento dell’aereo – e le condizioni dell’internamento – le minuscole celle di Camp X-Ray, aperte su tutti e quattro i lati, prive di latrine individuali, paragonabili a “stie per polli” – hanno suscitato polemiche presso l’opinione pubblica internazionale e sollevato perplessità presso alcuni Governi, a causa della manifesta violazione dei principi di umanità e dell’apparente violazione delle norme fondamentali del diritto internazionale. Il numero dei prigionieri della “guerra al terrore” è aumentato costantemente: Guantanamo “accoglie” attualmente circa seicentocinquanta prigionieri provenienti da quarantadue Paesi, dalle diciassette lingue e dai ventitré dialetti.

Anteprima della Tesi di Veronica Sgatti

Anteprima della tesi: Il trattamento dei membri di organizzazioni terroristiche internazionali con particolare riguardo al ''caso Guantanamo'', Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Veronica Sgatti Contatta »

Composta da 338 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3968 click dal 21/07/2004.

 

Consultata integralmente 46 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.