Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Durata della disoccupazione: indagini e modelli

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

INTRODUZIONE 2 1) i disoccupati che non erano operai, ma che si trovano in condizioni di pre-capitalismo e rappresentano il bacino della forza lavoro che andrà a confluire nell’occupazione operaia stessa; 2) i disoccupati che vivono nel contesto industriale e che derivano dalla classe operaia, per i quali la disoccupazione rappresenta un incidente di percorso rispetto alla condizione normale di operaio; 3) i disoccupati che non erano operai e che hanno scarse opportunità di entrare nella condizione operaia, si tratta in prevalenza di disoccupazione giovanile. Il primo tipo di disoccupazione considera il periodo storico antecedente la prima rivoluzione industriale, allorché si assistette a movimenti di carattere migratorio dalle campagne alle città di paesi industrializzati non solo a livello locale, ma anche inter-continentale. Questi movimenti riguardarono persone che non riuscivano più a essere assorbite come manodopera nelle campagne e che per questo motivo si rivolsero al nascente mercato del lavoro operaio, andando a ingrossare le fila del bacino di forza lavoro a disposizione delle industrie. Questo periodo storico ha visto, inoltre, la prima presa di coscienza da parte dei vari stati, del problema della disoccupazione; nascono, infatti, in questo periodo i primi sussidi e le prime leggi per regolare questo fenomeno. La figura del disoccupato, tuttavia, non viene ancora giustificata dalla società: l’essere senza un lavoro, viene visto come colpa del singolo, come una sua mancanza causata dall’ozio (da cui il termine inglese idleness). Di conseguenza, i provvedimenti adottati furono tesi a ridurre quei sussidi che in un primo momento erano stati concessi su larga scala, ponendo come vincolo per la fruibilità del sussidio stesso la meritevolezza del soggetto. In Inghilterra, il Poor law reform act (1834), distingueva tra poveri meritevoli (persone inabili, orfani e vecchi) o meno (tra cui i disoccupati), e sulla base di questa legge veniva concesso un aiuto statale solamente ai primi.

Anteprima della Tesi di Michele Fracassini

Anteprima della tesi: Durata della disoccupazione: indagini e modelli, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Michele Fracassini Contatta »

Composta da 449 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2787 click dal 20/07/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.