Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Presenza e azione di Ælfgifu di Northampton, regina madre e reggente nell'Impero del Nord di Canuto il Grande (1013-1040)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 2. La fortuna storica di Emma di Normandia e l’oblio di Ælfgifu di Northampton Parallelamente, uno degli aspetti più studiati negli ultimi anni è stato la condizione della donna, campo favorito dalla proficua interazione tra l’approccio più prettamente storiografico e quello più trasversale dei gender studies. In particolare, sono stati pubblicati numerosi studi sulla regalità femminile, per lo più concentrati intorno a quella che è una delle maggiori figure storiche dell’Inghilterra anglosassone, Emma di Normandia, sulla quale già esiste una sterminata letteratura critica. Così come accadde nel secolo XI, anche oggi Ælfgifu di Northampton è schiacciata dall’importanza e dal peso della sua rivale: la nascita normanna di Emma, il suo lungo regno e la sua influenza in ambito religioso e artistico, la rendono infatti la regina più importante di tutta la storia anglosassone 5 . Se su di lei sono già state scritte migliaia di pagine, non esistono tuttora studi monografici incentrati sulla figura di Ælfgifu di Northampton. Per affrontare una trattazione basata su Ælfgifu è dunque necessario partire dagli studi su Emma e su Canuto, anche se da essi si possono ottenere solo visioni sommarie ed immagini in negativo, tratteggiate a margine dei personaggi in primo piano. Sta di fatto che nessuno studioso che affronti la figura di Emma o quella di Canuto può ignorare Ælfgifu di Northampton, da un lato eterna rivale e principale bersaglio dell’azione politica della regina normanna, dall’altro fedele alleata e vicaria dal pugno di ferro. Proprio in uno dei più validi contributi allo studio di Emma 6 , P. Stafford lamenta il “vuoto” che Ælfgifu rappresenta nella storia del secolo XI e cerca di fissare alcune coordinate per localizzare e definire meglio la 5 P. STAFFORD, 'The King's Wife in Wessex 800-1066', Past and Present 91 (1981), pp. 3-27; P. STAFFORD, ‘Emma: The powers of the Queen in the Eleventh Century’ in Queens and queenship in medieval Europe, a cura di A. J. DUGGAN, Woodbridge, The Boydell Press, 1997, pp. 3-25; A. CAMPBELL, ‘The status of Queen Emma and her predecessors’ in Encomium Emmae Reginae, a cura di S. KEYNES, Cambridge, Cambridge University Press, 1998 (ristampa di Encomium Emmae Reginae, London, Royal Historical Society, 1949), pp. 62-65. 6 P. STAFFORD, Queen Emma and queen Edith: Ownership and women’s power in the eleventh-century England, London, Leicester University Press, 1997, pp. 209-254.

Anteprima della Tesi di Luca Rognoni

Anteprima della tesi: Presenza e azione di Ælfgifu di Northampton, regina madre e reggente nell'Impero del Nord di Canuto il Grande (1013-1040), Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Luca Rognoni Contatta »

Composta da 136 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1993 click dal 22/07/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.