Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Pasolini lettore

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 Bemporad, Giuseppe Zigaina, Pina Kalč. Da questa scuola deriverà ‹‹l’ Academiuta di lenga furlana›› e nasceranno i giornali letterari definiti ‹‹Il Stroligut››, cioè piccoli almanacchi dialettali. Andando con ordine nell’ Aprile del 1944 compare lo ‹‹Stroligut di cà da l’Aga››, l’almanacco che identifica l’area geografica alla destra del Tagliamento. Qui Pasolini esordisce esclamando: quando parlate, chiacchierate, gridate tra voi, usate quel dialetto che avete imparato da vostra madre, da vostro padre e dai vostri vecchi. E sono secoli che i fanciulli di questi luoghi succhiano dal seno della loro madre quel dialetto […] . Nessuno di voi saprebbe scriverlo questo dialetto e, quasi quasi , nemmeno leggerlo. […] Così il dialetto che è la più umile e comune maniera di esprimersi è solo parlato, nessuno pensa mai di scriverlo . Ma se a qualcuno venisse questa idea? Voglio dire l’idea di adoperarsi il dialetto per esprimere i suoi sentimenti, le sue passioni? 3 Con ciò Pasolini cerca di spiegare che il dialetto, oltre ad essere uno strumento di comunicazione quotidiana, può diventare espressione scritta di sentimenti e passioni, farsi portavoce di cose elevate e difficili. Se poi si riesce ad essere più di una persona a praticare tale soluzione, se viene raccolto un certo numero di materiale scritto, allora il dialetto diventa lingua : ‹‹la lingua sarebbe così un dialetto scritto e adoperato per esprimere i sentimenti più alti e segreti del cuore›› 4 . È poi quello che è successo all’italiano: dalla “volgare” bocca del popolo alla penna degli scrittori , da umile dialetto a lingua nazionale. Tale trasformazione deve implicare un passaggio ancora più forte di una semplice messa per iscritto, deve 3 Dialet, lenga e stil , ‹‹ Stroligut di cà da l’Aga ››, n. 3, aprile 1944, ora in P.P.Pasolini Saggi sulla letteratura e sull’arte, Milano, Mondadori, 1999 cit. pag. 64. 4 Dialet cit. pag. 65.

Anteprima della Tesi di Cecilia Morrico

Anteprima della tesi: Pasolini lettore, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Cecilia Morrico Contatta »

Composta da 266 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5724 click dal 22/07/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.