Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il target infanzia nella pubblicità televisiva

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

V Non dobbiamo pensare, tuttavia, che questo processo di adeguamento avvenga solo dal lato del consumatore; chi produce i messaggi pubblicitari, infatti, opera un continuo monitoraggio su gusti e tendenze del pubblico, per individuare le motivazioni su cui far leva per raggiungere più facilmente i propri scopi. Si tratta di una relazione complessa nella quale intervengono non solo i due attori della comunicazione pubblicitaria (ideatore del messaggio e potenziale acquirente), ma anche altri elementi presenti nella realtà sociale, veicoli di valori e credenze, come ad esempio le istituzioni educative, i gruppi religiosi, i movimenti politici, gli “opinion leaders” (intellettuali, giornalisti, persone del mondo dello spettacolo o della politica), i gruppi informali (le gangs giovanili), i canali di contro-informazione, le comunità formate da persone che svolgono la stessa professione o condividono interessi e passioni, gli stessi avvenimenti di cronaca. È per questo che i target individuati dalle agenzie pubblicitarie o dagli istituti di ricerca non costituiscono affatto dei modelli definitivi, ma sono soggetti a continua revisione e spesso necessitano di ulteriori suddivisioni al proprio interno. La pubblicità, come ha osservato Puggelli (2003) “…non solo crea le mode ed istituisce punti di riferimento culturali da seguire, ma è anche straordinariamente capace di appropriarsi di tutte le contro-mode che le si oppongono” 3 . Con i bambini è sempre più difficile individuare e classificare queste modificazioni: un po’ perché le loro capacità comunicative, ancora poco sviluppate, non permettono di raccogliere dati quantitativamente e qualitativamente soddisfacenti circa i loro desideri ed aspettative; bisogna ricorrere a tecniche proiettive per cercare di “carpire” queste informazioni in forma indiretta, nella speranza di interpretare i dati 3 F.R. Puggelli, Spot generation. I bambini e la pubblicità. Milano, Franco Angeli 2003; p. 101.

Anteprima della Tesi di Lara Polsoni

Anteprima della tesi: Il target infanzia nella pubblicità televisiva, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Lara Polsoni Contatta »

Composta da 414 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 19814 click dal 15/09/2004.

 

Consultata integralmente 44 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.