Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le modalità di diversificazione di prodotto nel sistema moda di fascia alta. Un'analisi empirica: il caso italiano Bulgari ed il caso americano Joseph Abboud.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 - La Strategia di Diversificazione 21 fondo comune di investimento). Quindi l’impresa diversificata non svolge alcun ruolo economico nel diversificare i rischi per gli azionisti come confermato dal modello del CAPM e da numerosi studi empirici. Ma è anche vero che gli azionisti non sono la totalità degli stakeolders, i lavoratori di un’impresa possono beneficiare del fare parte di un’impresa diversificata perché in caso di crisi di un settore potrebbero essere ricollocati in attività dell’impresa in altri settori. Smilth e Stulz (1985) puntualizzano che non necessariamente riduzione del rischio implica diminuzione del valore dell’impresa. Dipendenti, clienti e fornitori avversi al rischio potrebbero desiderare una diminuzione del rischio totale di impresa; ciò implica che se il costo di riduzione del rischio (tramite la diversificazione ad esempio) è minore del beneficio che ne traggono gli stakeolders, il valore totale dell’azienda non necessariamente diminuirà. La teoria secondo la quale le imprese diversificano le proprie attività nel tentativo di ridurre il rischio per gli azionisti sembra, quindi, non dare una visione univoca e di insieme dell’argomento diversificazione. Nonostante alcune categorie di stakeolders potrebbero in certi casi ottenere dei benefici dalla diversificazione non sembra un movente forte al punto da spingere l'impresa in settori nuovi e talvolta sconosciuti. 1.3.3 Agency view Negli anni ’80 si è assistito a bruschi cambiamenti nei vertici delle imprese (corporate control) ed all’inizio di un vigoroso dibattito circa l’opportunità o meno dell’esistenza di imprese di grandi dimensioni e diversificate. Molti studiosi, soprattutto teorici della finanza, accolgono l’impostazione suggerita dalla teoria dell’agenzia. Interpretare la diversificazione tramite questa ottica significa studiare la relazione di agenzia che lega gli azionisti (il principale) al top

Anteprima della Tesi di Marco Michele Cavallaro

Anteprima della tesi: Le modalità di diversificazione di prodotto nel sistema moda di fascia alta. Un'analisi empirica: il caso italiano Bulgari ed il caso americano Joseph Abboud., Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marco Michele Cavallaro Contatta »

Composta da 189 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 17609 click dal 30/07/2004.

 

Consultata integralmente 64 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.