Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le modalità di diversificazione di prodotto nel sistema moda di fascia alta. Un'analisi empirica: il caso italiano Bulgari ed il caso americano Joseph Abboud.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 - La Strategia di Diversificazione 13 conglomerata, diversificazione verticale 1 La diversificazione orizzontale è un processo di crescita caratterizzato dall'introduzione, sugli stessi segmenti di mercato in cui l'impresa è attualmente presente, di nuove funzioni-tecnologie di prodotto che interpretano sostanziali discontinuità tecnologiche con quelle attuali. La diversificazione concentrica si manifesta quando le nuove combinazioni funzione-tecnologia di prodotto presentano dei significativi legami di complementarietà, sul piano tecnologico o commerciale, con quelle attuali. L'obiettivo è quindi quello di allargare il mercato dell'impresa beneficiando di effetti sinergici derivanti dalla complementarietà tra le attività (Lambin). La diversificazione conglomerale indica il processo di crescita dimensionale mediante il quale l'impresa sviluppa prodotti che non hanno nessun rapporto con le attività tradizionali ne sul piano tecnologico ne su quello commerciale. La diversificazione verticale è una particolare forma di diversificazione che consiste nell'estensione dell'attività dell'impresa in un'altra a monte o a valle della catena del valore. In tale strategia di espansione l'impresa è cliente di se stessa (Penrose, 1959). Possiamo allora definire la diversificazione come la scelta strategica di innovare il rapporto prodotto/mercato. Essa viene realizzata aumentando il numero di attività produttive intraprese e modificandone la specie, ampliando il portafoglio prodotti o occupando posizioni in mercati diversi da quelli attuali. Nel presente lavoro non considereremo la diversificazione verticale (integrazione) come strategia di diversificazione 2 , e assumerà importanza la 1 Ansoff, 1968 e Sicca 1969, coerentemete a quanto esposto da Penrose, "The teory of the growth of the firm" (1959) pag 110 2 La dottrina economica tratta infatti distintamente la diversificazione e la integrazione verticale date le diverse specificità che presentano le due opzioni strategiche.

Anteprima della Tesi di Marco Michele Cavallaro

Anteprima della tesi: Le modalità di diversificazione di prodotto nel sistema moda di fascia alta. Un'analisi empirica: il caso italiano Bulgari ed il caso americano Joseph Abboud., Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marco Michele Cavallaro Contatta »

Composta da 189 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 17608 click dal 30/07/2004.

 

Consultata integralmente 64 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.