Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il gioco interattivo e l'intersoggettività nelle prime fasi di sviluppo dl bambino: significati ed ipotesi per l'esperienza terapeutica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 Il sistema funzionale visivo, quello della deambulazione, quello della manipolazione, sono aspetti di una struttura complessa in via di sviluppo quale è il bambino, che veicola l’apprendimento attraverso sistemi di segni all’interno dell’interazione con l’ adulto (Bruner, 1975; Anolli, Berteretti, 1987; Anolli, 1998) Anche prima della comparsa del linguaggio infatti, avvengono scambi comunicativi a diversi livelli e diverse complessità, tra l’adulto e il bambino. Già dalla nascita, quest’ultimo si dimostra come un essere sociale altamente organizzato, essendo in grado di mettere in atto gli embrioni di quelle capacità conoscitive che, con la maturazione, utilizzerà poi autonomamente: all’interno dell’interazione, entrano in gioco modalità dal potente significato comunicativo, come la relazione faccia a faccia, lo scambio di sguardi, l’imitazione dei suoni e del volto. Nello scambio con l’adulto, il bambino dimostra quindi di essere in grado di utilizzare, già da piccolissimo, quei comportamenti adattativi che costruiranno nel tempo il suo divenire sociale (Bruner, 1975). Afferma M.S.Veggetti, riferendosi a Vygotskij: “Lo sviluppo delle forme superiori del pensiero e quello dei processi cognitivi superiori è dunque indissociabile…dal contesto di relazioni sociali che il bambino ha come supporto fin dall’età più precoce…” (Veggetti, 1998) È evidente come l’interazione si dimostri dunque una componente fondamentale per lo sviluppo del bambino: è attraverso l’interazione, e all’interno dell’esercizio, che il riabilitatore può e deve costruire quindi le conoscenze del bambino lavorando nell’area di sviluppo prossimale, all’interno della quale sono

Anteprima della Tesi di Fabiana Rosa

Anteprima della tesi: Il gioco interattivo e l'intersoggettività nelle prime fasi di sviluppo dl bambino: significati ed ipotesi per l'esperienza terapeutica, Pagina 10

Laurea liv.I

Facoltà: Fisioterapia

Autore: Fabiana Rosa Contatta »

Composta da 121 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8060 click dal 30/07/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.