Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Riforma dell'OCM Olio di Oliva

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

LINEE GENERALI SULLA PRODUZIONE E IL CONSUMO 5 2. Dati sulla produzione di olio di oliva nella Comunità e nel mondo. E’ noto come l’olivicoltura abbia raggiunto la sua massima espansione durante il periodo del grande Impero romano quando una buona parte delle coste dei paesi mediterranei vennero coltivate ad olivi e sulle quali è tuttora localizzato il 98% del totale degli oliveti del mondo 11 . Attualmente esistono sul mercato diverse categorie di olio di oliva 12 : 11 Numerose fonti web citano il periodo dell’Impero romano come quello di maggiore espansione delle piantagioni di olivo, si veda ad esempio http://www.oropallo.it/cesare/storia.html. 12 Allegato del Regolamento (CEE) n.136/66, sostituito dal Regolamento (CEE) n. 1915/87 (relativo all’obbligatorietà delle denominazioni contenute nell’allegato per la commercializzazione di questi prodotti negli stati membri nonché negli scambi intracomunitari), sostituito dal Regolamento (CEE) n. 356/92 (che contiene nell’allegato la distinzione fra tipologie riportata in basso), modificato dall’art. 1 del Regolamento (CE) n. 1638/98 (relativo alla fissazione di un prezzo indicativo alla produzione per l’olio di oliva “vergine” corrente con un contenuto di acido oleico pari a 3,3 g per 100 g di prodotto) e, da ultimo, così sostituito dall’allegato del Regolamento (CE) n. 1513/01, a decorrere dal 1° novembre 2003, ad eccezione del punto 4 che si applica a decorrere dal 1° novembre 2001. Il testo dell’allegato, applicabile fino al 31 ottobre 2003, recita: “Allegato. Denominazioni e definizioni degli oli di oliva e degli oli di sansa di oliva di cui all’articolo 35”: 1) Oli di oliva vergini: oli ottenuti dal frutto dell’olivo soltanto mediante processi meccanici o altri processi fisici, in condizioni, in particolare termiche, che non causano alterazioni dell’olio, e che non hanno subito alcun trattamento diverso dal lavaggio, dalla decantazione, dalla centrifugazione e dalla filtrazione, esclusi gli oli ottenuti mediante solvente o con processi di riesterificazione e qualsiasi miscela con oli di altra natura. Detti oli di oliva sono oggetto della classificazione e delle denominazioni seguenti: a) olio extra vergine di oliva: olio di oliva vergine la cui acidità libera espressa in acido oleico è al massimo di 1 g per 100 g e avente le altre caratteristiche conformi a quelle previste per questa categoria; b) olio di oliva vergine (il termine “fino” può essere usato nella fase della produzione e del commercio all'ingrosso): olio di oliva vergine la cui acidità libera espressa in acido oleico è al massimo di 2 g per 100 g e avente le altre caratteristiche conformi a quelle previste per questa categoria; c) olio di oliva vergine corrente: olio di oliva vergine la cui acidità libera espressa in acido oleico è al massimo di 3,3 g per 100 g e avente le altre caratteristiche conformi a quelle previste per questa categoria; d) olio di oliva vergine lampante: olio di oliva vergine la cui acidità libera espressa in acido oleico è superiore a 3,3 g per 100 g e/o avente le altre caratteristiche conformi a quelle previste per questa categoria. 2) Olio di oliva raffinato: olio di oliva ottenuto dalla raffinazione di oli di oliva vergini, la cui acidità libera espressa in acido oleico non può eccedere 0,5 g per 100 g e avente le altre caratteristiche conformi a quelle previste per questa categoria. 3) Olio di oliva: olio di oliva ottenuto da un taglio di olio di oliva raffinato e di oli di oliva vergini diversi dall’olio lampante, la cui acidità libera espressa in acido oleico non può eccedere 1,5 g per 100 g e avente le altre caratteristiche conformi a quelle previste per questa categoria. 4) Olio di sansa di oliva greggio: olio ottenuto mediante trattamento al solvente di sansa di oliva, esclusi gli oli ottenuti con processi di riesterificazione e qualsiasi miscela con oli di altra natura e avente le altre caratteristiche conformi a quelle previste per questa categoria. 5) Olio di sansa di oliva raffinato: olio ottenuto dalla raffinazione di olio di sansa di oliva greggio, la cui acidità libera espressa in

Anteprima della Tesi di Danilo Monticelli

Anteprima della tesi: La Riforma dell'OCM Olio di Oliva, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Danilo Monticelli Contatta »

Composta da 192 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6120 click dal 03/08/2004.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.