Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Riforma dell'OCM Olio di Oliva

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

LINEE GENERALI SULLA PRODUZIONE E IL CONSUMO 9 La Turchia, inserita nel mercato asiatico, copre invece la metà della produzione di questo continente e conta circa il 14% sulla produzione mondiale. Segue, infine, l’Africa in cui è concentrato oltre il 13% della produzione mondiale, localizzata essenzialmente in Tunisia che, da sola, detiene il 66% della produzione dell’area. Riguardo alla Comunità Europea si stima che abbia fornito, nel corso degli ultimi due decenni, i ¾ dell’olio di oliva consumato nel resto del mondo: una posizione decisamente dominante ed anche abbastanza recente. Infatti, alla costituzione, nel 1966, di un’organizzazione mondiale di commercio nel settore dell’olio di oliva 17 , la sola a beneficiarne era proprio l’Italia, attiva in un contesto comunitario che pesava solo per un terzo sulla produzione mondiale e che necessitava ancora di importazioni. Un primo cambiamento si ebbe con l’adesione alla Comunità Europea della Grecia 18 , la cui produzione al momento, era di poco superiore alle 300.000 tonnellate. L’Europa ha così iniziato a fornire la metà della produzione mondiale di olio di oliva, passando da una situazione di netta importazione ad un quasi equilibrio tra produzione e consumo interno. Il vero momento di svolta fu, però, l’ingresso nel 1986 nell’Unione Europea di Spagna e Portogallo 19 , che consentì all’Europa di divenire per la prima volta, esportatrice netta. Dando uno sguardo agli ultimi decenni, la produzione mondiale è cresciuta sensibilmente negli anni 80, rispetto alle stime degli anni 60, arrivando a misurare un surplus di ben 1,8 milioni di tonnellate. Dopo un periodo di relativa calma, è negli anni ‘90 che si registra un nuovo aumento della produzione stimato in ben 2,5 milioni 17 Regolamento (CEE), n.136/66, op. cit. 18 Il 28 aprile 1979 firma, ad Atene, degli atti relativi all’adesione della Grecia alle Comunità. Il 28 giugno 1979 il Parlamento ellenico ratifica il trattato di adesione della Grecia alla Comunità europea. 19 L’accordo finale fu raggiunto nel 1985 con la firma il 12 giugno dell’atto finale di adesione della Spagna e del Portogallo, operativo a partire dal 1° gennaio 1986.

Anteprima della Tesi di Danilo Monticelli

Anteprima della tesi: La Riforma dell'OCM Olio di Oliva, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Danilo Monticelli Contatta »

Composta da 192 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6120 click dal 03/08/2004.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.