Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Immigrazione femminile e maternità: strategie di progetto

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 La tipologia dei permessi di soggiorno, ricavata dai dati del Ministero dell’Interno al 31 dicembre 2002, è così ripartita: - il 55.2% per lavoro, - il 31.2% per motivi familiari, - il 13.6% per altri motivi, quali adozione, residenza elettiva, motivi religiosi, motivi di studio. Ciò conferma la tendenza ad una stabilizzazione del fenomeno migratorio in Italia. I nuovi arrivi per motivi d’insediamento sono stati nel 2002 circa 180.000, di cui 62.000 per ricongiungimento familiare, e ad essi si aggiungono i 40.000 figli d’immigrati nati in Italia 15 . Come afferma, infatti, Franco Pittau 16 “l’accentuata tendenza alla stabilità nell’insediamento significa che nella maggior parte degli immigrati il nuovo progetto di vita consiste nel risiedere in Italia e nell’essere dei nuovi cittadini a prescindere dalla cittadinanza, che è loro attribuita solo con gran difficoltà. Inserirsi significa desiderio d’inclusione”. Prosegue l’intensità dei flussi migratori per ricongiungimento familiare, si è passati dai 44.666 visti d’ingresso registrati nel 1999 ai 62.000 rilasciati nel 2002. Per le comunità di più antica immigrazione, come quelle dell’Africa settentrionale, gli ingressi per motivi familiari prevalgono su quelli per lavoro. Anche i paesi dell’Asia Mediorientale, soprattutto India e Sri Lanka, assieme a quelli del Marocco e della Tunisia, presentano la quota più alta dei visti d’ingresso rilasciati per ricongiungimento familiare, nell’anno 2002: il 58% per l’India, il 91% per lo Sri Lanka e il 76% del Marocco, sul totale dei visti autorizzati per l’ingresso a ciascun paese. 15 Caritas, Immigrati Dossier Statistico 2003, Nuova Anterem Roma, 2003 , p. 94 16 F. Pittau,(2001) La nuova realtà socio-demografica dell’immigrazione femminile, Carocci Roma, p. 5

Anteprima della Tesi di Marta Elisabetta Malinverno

Anteprima della tesi: Immigrazione femminile e maternità: strategie di progetto, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Marta Elisabetta Malinverno Contatta »

Composta da 177 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11994 click dal 02/08/2004.

 

Consultata integralmente 17 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.