Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Immigrazione femminile e maternità: strategie di progetto

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 sole ed infine, ma il più ricco, all’espressione dei codici culturali rispetto al parto, all’allattamento e alle prime cure dedicate al neonato. Anche nell’esperienza della maternità, come in tutto il percorso migratorio delle donne, si vuole sottolineare come la dimensione culturale assuma una funzione essenzialmente simbolica, forse più così che normativa, nel senso che si ritiene fondamentale che le madri in migrazione possano mantenere le proprie tradizioni e credenze religiose, anche nella cura dei figli, perché è solo lì che può rimanere il nucleo centrale della loro identità. In un confronto tra culture diverse, dettato dalle circostanze di vita come l’evento di una maternità, la donna individua dei punti di mediazione e di equilibrio, che devono essere confermati e valorizzati dai principali attori sociali della comunità locale e rafforzate dalle politiche sociali. La donna migrante diviene così portatrice di una nuova posizione: il suo progetto migratorio e l’esperienza della maternità, vissuta pienamente nel tempo della migrazione, caratterizzano sempre più una presenza costante ed una partecipazione attiva e cosciente, che esprime mediazione, cooperazione e negoziazione. E’ questo l’ultimo passaggio, che si osserva con meraviglia e stima nel quarto capitolo, compiuto da alcune donne migranti, che divengono così portatrici di risorse in un processo che le attribuisce nuovi ruoli, da loro riconosciuti ed interiorizzati, in uno spazio sociale pubblico. Le donne in migrazione sono così “cittadine del mondo”, hanno la capacità di comprendere i principali sistemi di riferimento delle culture, “riappropriandosi della propria originale organizzazione simbolica del mondo, così come del proprio modo di esprimere la femminilità” 8 . Sono anche grandi “viaggiatrici”, con una “disposizione all’ascolto, all’apprendimento del diverso, vitale per la stessa sopravvivenza” 9 . 8 Ghilardi C., Donne e immigrazione: storie di vita tra conflitto ed integrazioni, in Brusa C. (a cura di), Immigrazione e multicultura nell’Italia di oggi, F.Angeli 1997, p. 191 9 Balsamo F. (1997) Da una sponda all’altra del Mediterraneo. Donne immigrate e maternità, L’Harmattan Italia, Torino, p. 27

Anteprima della Tesi di Marta Elisabetta Malinverno

Anteprima della tesi: Immigrazione femminile e maternità: strategie di progetto, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Marta Elisabetta Malinverno Contatta »

Composta da 177 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11994 click dal 02/08/2004.

 

Consultata integralmente 17 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.