Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La dirigenza nell'ente locale: evoluzione legislativa, funzioni e responsabilità

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo I ________________________________________________________________________ - 4 - dall’organizzazione della stessa Pubblica Amministrazione, attraverso la creazione di specifici organi cui preporre le figure dirigenziali 3 . Deve osservarsi che la creazione di specifici organi, con proprie competenze esclusive direttamente rilevanti all’esterno dell’amministrazione, è espressamente preclusa alla contrattazione nazionale, in quanto materia attinente all’organizzazione degli uffici, coperta da riserva di legge dall’art. 97 della Costituzione. 1.2 - La L. 142/1990. La L. 142/1990, ora trasfusa nel D.Lgs. 267/2000, stabilisce fondamentali principi in tema di “status dirigenziale”, tutti ispirati al tentativo di delineare, da un lato, una separazione tra ambito politico ed ambito amministrativo, e, dall’altro, una concreta “managerialità” del dirigente dell’ente locale, bilanciando l’acquisita assunzione di poteri con la diretta responsabilità per l’effettiva realizzazione dei progetti dell’ente, oltre che della correttezza amministrativa e dell’efficienza della gestione. L’art. 51 della legge in esame affida ai dirigenti la direzione degli uffici e dei servizi secondo i criteri e le norme dettati dagli statuti e dai regolamenti, i quali devono uniformarsi al principio per cui i poteri di indirizzo e di controllo spettano agli organi elettivi, mentre la gestione amministrativa è attribuita ai dirigenti. Alla dirigenza, inoltre, spettano tutti i compiti, compresa l’adozione di atti che impegnino l’amministrazione verso l’esterno, che la legge e lo statuto espressamente non riservino agli organi di governo dell’ente; vengono inoltre specificatamente indicate alcune competenze peculiari dei dirigenti, ossia la 3 D’AURIA G., Ufficiali o dirigenti, in Riv. Corte dei Conti, 1991, fasc. 5, 78.

Anteprima della Tesi di Andrea Taio

Anteprima della tesi: La dirigenza nell'ente locale: evoluzione legislativa, funzioni e responsabilità, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Andrea Taio Contatta »

Composta da 129 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8883 click dal 26/08/2004.

 

Consultata integralmente 50 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.