Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'azienda ospedaliera nell'ambito del riordino del servizio sanitario della Regione Lombardia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

-12- 1.4 L’ESIGENZA DI RIORDINO DELLA SANITA’ ITALIANA Se la prima metà degli anni Ottanta fu caratterizzata dai primi frutti della riforma, la seconda parte del decennio vide progressivamente ingrossarsi le file dei controriformisti. L’ottimo impianto teorico della riforma del 1978 fu ben presto in rotta di collisione con le esigenze economico-finanziarie, a causa dei costi sempre crescenti del Servizio sanitario. Sotto il profilo normativo ciò si tradusse, dapprima in un rallentamento della fase concretamente attuativa, successivamente con lo snaturamento dei principi della riforma, che in effetti non fu mai interamente attuata. Le motivazioni principali della crisi del sistema introdotto con la L. 833/78 possono riassumersi nei fattori di seguito indicati. 1) Incremento progressivo dei costi complessivi del Servizio sanitario nazionale; crescita giudicata, nel tempo, sempre più ingiustificata dall’opinione pubblica. 2) Scarsa efficienza 1 generale. 3) Efficacia 2 percepita in ribasso dall’opinione pubblica. 4) Indifferenza rispetto ai costi da parte degli attori del Servizio sanitario nazionale, dovuta alla disciplina di diritto amministrativo dei rapporti fra i vari soggetti, all’assenza di vincoli finanziari, all’inesistenza di misure sanzionatorie nell’eventualità di gravi disavanzi di bilancio, al finanziamento legato alla spesa storica, con il consequenziale innesco di un meccanismo quasi premiale per le strutture deficitarie. 1-2 “…L’efficacia, intesa come raggiungimento di obiettivi prefissati, può essere scorporata in almeno… due dimensioni… La prima dimensione, che potremmo definire efficacia a priori, è quella relativa all’utilizzo di tecnologie efficaci. Una seconda dimensione, definibile come efficacia a posteriori, è quella della valutazione dei risultati di un sistema di cure in termini di salute. Questo aspetto è, per sua natura, prioritario rispetto a ragionamenti di efficienza, che devono essere fatti comunque a parità di efficacia…”. (Organizzazione sanitaria, n. 3/4, 1994, pagg. 39-40).

Anteprima della Tesi di Francesco Morelli

Anteprima della tesi: L'azienda ospedaliera nell'ambito del riordino del servizio sanitario della Regione Lombardia, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Francesco Morelli Contatta »

Composta da 201 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6065 click dal 04/08/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.