Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sale and lease-back e divieto del patto comissorio

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 2.3. Il lease-back e la funzione di finanziamento. Il problema della individuazione della causa del contratto di lease-back si inquadra in quello più generale del concetto di causa del contratto. La causa è stata definita come “la ragione pratica del contratto, cioè l’interesse che l’operazione contrattuale è diretta a soddisfare” 30 . Per la sua individuazione è necessario indagare sugli interessi, sulle finalità che, nell'ambiente sociale, il contratto, tipicamente, è destinato a realizzare 31 ; non si fa riferimento ai diversi interessi che le parti (o una di esse) intendono conseguire con il contratto di lease-back, deviandolo dalla sua funzione socialmente tipica. 32 30 BIANCA, Diritto Civile, Il contratto, 3, Milano, 1984, p. 419. 31 Non è questa la sede dove si intende ripercorrere gli itinerari che hanno riguardato la definizione di causa, ma può valere, ai fini del presente studio, discernere sulle diverse correnti dottrinali che si sono occupate di questa problematica. Classica è la bipartizione delle teorie in soggettive e oggettive (cfr. MIRABELLI, Causa obiettiva e causa subiettiva, Riv. trim. dir. e proc. civ., 1951, p. 8 ss.). Nella prima metà del sec. XIX si afferma il filone soggettivo della causa, che trova riscontro nel cod. civ. del 1865, per il quale la causa coincide con lo scopo individuale delle parti (BATTISTONI, La causa dei negozi giurdici, Padova, 1932). A sostegno di questa tesi, taluno non considera la causa come un elemento indispensabile del negozio, ma gli attribuisce un semplice valore funzionale; tale funzionalità viene spiegata in rapporto al consenso e all'oggetto del contratto (cfr. STOLFI, Teoria del negozio giuridico, Padova, 1961 (ris.); Id., Il negozio giuridico è un atto di volontà, in Giur. it., 1948, IV, p. 41 ss). La nascita della concezione obiettiva della causa si fa risalire al superamento della concezione volontaristica del negozio giuridico, il quale produce l’oggettivazione del contratto, e di conseguenza, anche della causa (Cfr. BONFANTE, Il contratto e la causa del contratto, in Scritti giuridici vari, III, Torino, 1921, p. 131; BETTI, Causa del negozio giuridico, in Nss. Dig. it., III, Torino, 1959, p. 243). I fautori di tale teoria ritengono che la causa viene sottratta a qualsiasi legame con la volontà e sospinta nel domino dell'ordinamento. La causa nel suo aspetto funzionale assume l'espressione della limitazione dell'autonomia privata ad opera dell'ordinamento. Sul punto svariate sono state le interpretazioni che del concetto sono state date dai più autorevoli studiosi (Cfr. FERRARA, La teoria dei contratti, Napoli, 1940, p. 143; FERRI, L'autonomia privata, Milano, 1959, p. 321; GIORGIANNI, Causa del negozio giuridico, in Enc. dir., VI, Milano, 1960, p. 563, nt. 90, 91, 92, 93, 94, 95; REDENTI, Dei contratti nella pratica commerciale, vol. 1, Padova, 1931, p. 30; ALESSI, Sul concetto di causa del negozio giuridico, in Temi emil., 1933, III, p. 162 ss; NICOLÒ, L'adempimento dell'obbligo altrui, Milano, 1936, p. 188). La teoria dominante in dottrina e in giurisprudenza è quella che individua la causa nella funzione economico-sociale del negozio: gli interessi dei singoli soggetti di diritto devono svolgere, in quest’ottica, una funzione utile a tutta la comunità sociale; ciò rappresenta indubbiamente un riflesso del contesto storico-ideologico in cui la codificazione del 1942 vedeva la luce. 32 SCHERMI, op. cit., p. 1746.

Anteprima della Tesi di Francesco Antonio D'Introno

Anteprima della tesi: Sale and lease-back e divieto del patto comissorio, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Francesco Antonio D'Introno Contatta »

Composta da 160 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6669 click dal 31/08/2004.

 

Consultata integralmente 31 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.