Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'infermiere nella gestione dell'arresto cardiocircolatorio e nella successiva diagnostica cardiovascolare ambulatoriale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

- 5 - INTRODUZIONE Si è arrivati a parlare di area critica nel 1954 quando per la prima volta furono istituiti negli ospedali italiani i servizi di Anestesia per poter meglio trattare i pazienti in grave pericolo di vita in strutture idonee. Scrivere una tesi sull’arresto cardiocircolatorio e gli interventi infermieristici d’urgenza ad esso applicati non è sicuramente un’impresa facile, soprattutto perché richiede chiarezza e notevole precisione dell’analisi. Essendo l’argomento molto interessante, dato il suo tasso di incidenza nella popolazione e le notevoli conseguenze sulla qualità di vita e sulla prospettiva di sopravvivenza, verranno in questa tesi evidenziate le manovre del basic life support and early defibrillation e la successiva diagnostica ambulatoriale cardiovascolare, con lo scopo di favorire un’assistenza infermieristica competente e aggiornata in ambiente intra ospedaliero. Se si considera l’uomo nella sua unicità e nella sua totalità di persona è più facile seguirlo dal momento in cui si verifica l’evento, fino al recupero della salute.

Anteprima della Tesi di Monica Lavarini

Anteprima della tesi: L'infermiere nella gestione dell'arresto cardiocircolatorio e nella successiva diagnostica cardiovascolare ambulatoriale, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Monica Lavarini Contatta »

Composta da 144 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 25976 click dal 31/08/2004.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.