Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tutela delle minoranze: azione sociale di responsabilità

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 l’articolo 145 del T.U.F., riguardante le azioni di risparmio). In verità, se si osserva bene, lo spazio lasciato alla normazione convenzionale è marginale, spesso limitato alla semplice variazione di qualche punto percentuale dei quorum o all’ideazione di clausole organizzative ed elettive, ma non all’introduzione di una sostanziale modifica di istituti e discipline. Forse, anche per questo, poco utilizzato dalle società; oltre per il fatto che, in un mercato assai dinamico, è assai difficile comprendere quale modifica sia più opportuna, ma occorre un certo lasso di tempo, non sempre a disposizione. Per di più, una continua revisione statutaria potrebbe anche avere l’effetto di disorientare e quindi di disincentivare gli investitori. La conclusione che si può trarre è che il tema del rapporto tra tutela delle minoranze e corporate governance ha molte “facce” e pertanto richiede di essere affrontato in modo equilibrato e complessivo, tenendo conto di una gamma molto vasta di strumenti e di interessi in gioco. Occorre sapere coniugare autotutela ed eterotutela, norme imperative, autoregolamentazione ed autonomia statutaria. Bisogna riuscire a cogliere il nesso tra interessi della minoranza, pur sempre in qualche misura riconducibili al gioco dei rapporti interni alla compagine sociale, ed interessi di ordine generale, che in altre epoche storiche venivano considerati interessi dell’impresa in sé (se non addirittura dell’economia nazionale) e che in contesti più moderni e vicini a noi sono stati identificati negli interessi dei cosiddetti stakeholders (i creditori, i dipendenti, l’ambiente, la competitività del mercato nel suo complesso, e così via), solo formalmente estranei alla compagine azionaria strettamente considerata. Le norme che permettono e garantiscono la contendibilità e la concorrenza, le disposizioni che ampliano la trasparenza e l’informazione ed infine, la disciplina

Anteprima della Tesi di Massimiliano De Martino

Anteprima della tesi: Tutela delle minoranze: azione sociale di responsabilità, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Massimiliano De Martino Contatta »

Composta da 223 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3834 click dal 01/09/2004.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.