Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I neoconservatori americani: analisi del movimento culturale e delle prospettive politiche

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 1.3. La nuova generazione neocon Negli anni Settanta intanto si affaccia al mondo della politica la seconda generazione di neocon, rappresentata al meglio, se non altro per la diretta parentela con il godfather riconosciuto del movimento, da William Kristol, figlio di Irving. 1.3.1. Lo staff di Henry “Scoop” Jackson I “nuovi” neocon si raccolgono principalmente attorno al senatore democratico (e feroce anticomunista) Henry M. Jackson, detto “Scoop”, presidente del Senate Armed Service Committee e noto anche come il “senatore della Boeing”. 12 Lo staff di Jackson formò la Coalition for a Democratic Majority (Cdm), una lobby che si batteva a sostegno di posizioni anti-contenimento e anti-distensione nei confronti dell’Unione Sovietica e che ha promosso la candidatura di Jackson alle primarie democratiche del 1972 e del 1976. Della Cdm facevano parte tra gli altri Richard Perle, Elliott Abrams, James Roche, Frank J. Gaffney jr. e William Kristol. A metà degli anni Settanta la Cdm strinse un’alleanza con alcuni esponenti repubblicani, tra i quali Donald Rumsfeld (che all’epoca era segretario della Difesa di Gerald Ford) e Paul Wolfowitz. L’alleanza si basava sul sabotaggio della politica pro-contenimento e pro-distensione del segretario di Stato Henry Kissinger. Jackson fu autore di un provvedimento (emendamento Jackson-Vanik) che legava gli accordi commerciali con l’Unione Sovietica alla cooperazione di Mosca nel consentire agli ebrei sovietici di emigrare in Israele e sostenne l’istituzione (voluta da Rumsfeld) del “Team B”, un gruppo di esperti di strategia (che comprendeva anche Paul Wolfowitz) che aveva lo scopo di delegittimare quelli che secondo la loro visione erano i tentativi della Cia e di Kissinger di convincere governo e opinione pubblica che il potenziale e le intenzioni dell’Urss non fossero più degne di preoccupazioni eccessive da parte degli Stati Uniti. 13 12 [Lobe e Olivieri (a cura di) 2003, 12] 13 ibidem

Anteprima della Tesi di Cleto Romantini

Anteprima della tesi: I neoconservatori americani: analisi del movimento culturale e delle prospettive politiche, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Cleto Romantini Contatta »

Composta da 173 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3518 click dal 30/08/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.