Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dinamiche dello sviluppo in Argentina (1990-2000): relativi problemi di misurazione e proposte

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 antagonista, ma complementare ad essa ; le attività industriali, svolte per lo più da immigrati italiani e spagnoli hanno sempre avuto un ruolo marginale sia dal punto di vista politico che sociale. Anche la politica delle Import Substitution 10 e la liberalizzazione economica, con l’abbassamento delle tariffe doganali, non sono riuscite a far decollare il settore industriale ed approfittare di una situazione favorevole di mercato (P. Bianchi, 2002). La mancata competitività, per un Paese ricco di risorse, in un mondo sempre più globalizzato, sembra essere il fattore propulsore delle politiche economiche nella storia argentina 11 . La World Bank, nel 2000, sottolineando i progressi fatti in campo economico avvertiva come la mancanza di credito interno e la forte dipendenza dai capitali stranieri potesse costituire un “collo di bottiglia” per le piccole e medie imprese, incapaci di essere concorrenziali nel mercato globale (World Bank Group, 10. Nel periodo 1945-1975 molti Paesi dell’America Latina,tra cui l’Argentina, adottarono la strategia della “sostituzione delle importazioni”. L’idea era di proteggere le industrie nascenti locali, per un tempo limitato, dalla competizione straniera fino a quando fossero diventate competitive nei mercati mondiali. Lo strumento utilizzato fu l’innalzamento delle barriere protezionistiche alle importazioni ed il sostenere le imprese nazionali che producevano i beni manufatti fino allora importati dall’Europa. Tale strategia fallì poiché condusse ad un eccesso di capacità in qualche settore e scarsità in altri. Inoltre le compagnie protette non raggiunsero mai i livelli che le avrebbero rese competitive nei mercati mondiali. 11. <>; inoltre essa offre molteplici opportunità che possono tradursi in benefici che dipendono solo dalla capacità di risposta del Paese, il quale deve adottare politiche economiche di lungo periodo e non prospettive <> come si fece in Argentina. (Roberto Bouzas*, “Argentina despues de las reformas”, Revista brasileira de comercio exterior, vol.71, abril-junio, 2002). * Ricercatore indipendente al Consejo Nacional de Investigaciones Cientificas y Tecnicas (CONICET) e principale ricercatore per la Facoltà Latinoamericana di Scienze Sociali (FLACSO/Argentina). Professore d’Economia Internazionale per la facoltà di Economia

Anteprima della Tesi di Valentina Giudice

Anteprima della tesi: Dinamiche dello sviluppo in Argentina (1990-2000): relativi problemi di misurazione e proposte, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Statistiche

Autore: Valentina Giudice Contatta »

Composta da 135 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1592 click dal 02/09/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.