Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le collaborazioni coordinate e continuative a progetto e i rapporti occasionali. profili previdenziali e assicurativi.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 - alle collaborazioni con titolari di pensioni di vecchiaia (art. 61, comma 3). L’esclusione dei pensionati di vecchiaia comprende, secondo la Circ. Min. Lav. n. 1/2004, anche quei soggetti titolari di pensioni di anzianità o di invalidità che, ai sensi della normativa vigente, al raggiungimento del 65° anno di età vedono automaticamente trasformato il loro trattamento in pensione di vecchiaia; - alle professioni intellettuali per le quali è necessaria l’iscrizione in appositi albi professionali esistenti alla data di entrata in vigore del decreto. Il decreto si rivolge all’attività di fatto svolta, cioè all’oggetto del contratto; quindi l’iscrizione all’albo non rileva se poi l’attività oggetto del contratto non è riconducibile ad una delle professioni intellettuali per cui è necessaria l’iscrizione; - alle collaborazione comunque “rese e utilizzate a fini istituzionali in favore delle associazioni e società sportive dilettantistiche affiliate alle federazioni sportive nazionali, alle discipline sportive associate e agli enti di promozione sportiva riconosciute dal C.O.N.I., come individuate e disciplinate dall'articolo 90 della legge 27 dicembre 2002, n. 289.” (art. 61, comma 3). Anche per i collaboratori sportivi, così come per le pubbliche amministrazioni, non si capisce perché non vi sarebbero rischi di elusione; condivisibile la critica di Miscione 21 secondo il quale “la logica dell’esclusione (introdotta nel testo finale del decreto su sollecitazione delle Commissioni Parlamentari) pare non chiara e ancor meno chiara l’espressione “comunque rese e utilizzate ai fini istituzionali”, senza neppure considerare la necessità di prestazioni “prevalentemente personali”; 21 M. MISCIONE, Il collaboratore a progetto, in Lav. Giur., 2003, 818.

Anteprima della Tesi di Valentina Vanzo

Anteprima della tesi: Le collaborazioni coordinate e continuative a progetto e i rapporti occasionali. profili previdenziali e assicurativi., Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Valentina Vanzo Contatta »

Composta da 125 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3596 click dal 13/09/2004.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.