Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le collaborazioni coordinate e continuative a progetto e i rapporti occasionali. profili previdenziali e assicurativi.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 antifraudolenta, così confermando, in ogni caso, la riconducibilità delle collaborazioni all’area del lavoro autonomo 8 . Nella Relazione di accompagnamento del d.lgs. n. 276/2003 si legge, inoltre, che le collaborazioni coordinate e continuative “hanno rappresentato un modo con cui la realtà ha individuato nelle pieghe della legge le strade per superare rigidità e insufficienze delle regole del lavoro”, e si dice, proprio a superamento della “farisaica accettazione di questa pratica elusiva”, di voler ricondurre siffatti rapporti alla diversa del lavoro a progetto. In senso contrario si segnala l’opinione di R. De Luca Tamajo 9 , per il quale il lavoro a progetto configurerebbe un nuovo tipo contrattuale, sia per la precisione dei contorni definitori, sia per la specifica disciplina di cui risulta destinatario, e anzi, costituirebbe non già un tertium, bensì un quartum genus, per cui si propone un nuovo acronimo (co.pro.pro, collaboratori a progetto o a programma), che si collocherebbe accanto alla residua, ma permanente categoria dei collaboratori continuativi e coordinati. 8 Stabilisce infatti la circolare del Ministero del Lavoro n. 1 del 2004 che “L'art. 61 non sostituisce e/o modifica l'art. 409, n. 3, c.p.c. bensì individua, per l'ambito di applicazione del decreto e - nello specifico - della medesima disposizione, le modalità di svolgimento della prestazione di lavoro del collaboratore, utili ai fini della qualificazione della fattispecie nel senso della autonomia o della subordinazione. Sul piano generale, peraltro, il lavoro a progetto non tende, allo stato, ad assorbire tutti i modelli contrattuali riconducibili in senso lato all'area della c.d. parasubordinazione”. 9 R. DE LUCA TAMAJO, Dal lavoro parasubordinato al lavoro a progetto, in Itinerari d’impresa. Management, Diritto, Formazione, n. 3/2003, www.diritto.it.

Anteprima della Tesi di Valentina Vanzo

Anteprima della tesi: Le collaborazioni coordinate e continuative a progetto e i rapporti occasionali. profili previdenziali e assicurativi., Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Valentina Vanzo Contatta »

Composta da 125 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3596 click dal 13/09/2004.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.