Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le collaborazioni coordinate e continuative a progetto e i rapporti occasionali. profili previdenziali e assicurativi.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 Inoltre di collaborazioni coordinate e continuative si parla anche in altre e varie disposizioni di legge sull’imposizione fiscale e previdenziale (art. 49, c. 2, lett. a), d.p.r. n 917/86; art. 2, c .26, l. n. 335/95) e di natura assistenziale (art. 59, comma 16 l. n. 449/1997; l. 488/1999; art. 5 d.lgs. 38/2000). Dalle varie disposizioni sopra citate discende, secondo Vallebona 10 , un “nucleo essenziale comune” consistente nella “collaborazione continuativa e coordinata, senza vincolo di subordinazione e prevalentemente personale”. I presupposti per la qualificazione di un rapporto come di collaborazione coordinata e continuativa, precisati e commentati più volte anche dalla sezione Lavoro della Suprema Corte 11 , sono: - la continuità, intesa come cooperazione non occasionale all’attività del committente; essa implica persistenza nel tempo, non necessariamente derivante da una serie ininterrotta di incarichi bastando anche un unico incarico di apprezzabile durata 10 ; - la coordinazione che deve essere intesa come “funzionalizzazione” della prestazione del collaboratore all’attività dell’impresa, ciò significa che il collaboratore non persegue un risultato autonomo correlato agli obiettivi del committente, ma con la propria attività contribuisce al loro raggiungimento. Sottolinea sempre Vallebona 12 che il coordinamento dell’attività va distinto dalle eterodirezione tipica del lavoro subordinato e che esso può estrinsecarsi nei modi più svariati anche in relazione al tempo e al luogo dell’attività, ma non può mai 10 A. VALLEBONA, Istituzioni di diritto del lavoro, Il rapporto di lavoro, CEDAM, 2004, 177 11 Cass., Sez. Lav., 26 luglio 1996, n. 6752, in AC, 1997, 163; Cass., Sez. Lav., 20 agosto 1997, n. 7785, mass., e, di recente, Cass., Sez. Lav., 9 marzo 2001, n. 3485, mass.; Cass., Sez. Lav., 19 aprile 2002, n. 5698, in LG, 2002, 1164. 12 A. VALLEBONA, Istituzioni di diritto del lavoro, Il rapporto di lavoro, CEDAM, 2004, 177

Anteprima della Tesi di Valentina Vanzo

Anteprima della tesi: Le collaborazioni coordinate e continuative a progetto e i rapporti occasionali. profili previdenziali e assicurativi., Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Valentina Vanzo Contatta »

Composta da 125 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3596 click dal 13/09/2004.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.