Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Insider trading ed efficienza dei mercati finanziari. L'impatto dell'evoluzione della normativa di riferimento in Italia.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 1.2 Le forme organizzative dei mercati mobiliari Il perseguimento delle condizioni di efficienza del mercato richiede un’attenta valutazione del suo assetto organizzativo. A tele fine, possono essere individuate diverse forme di organizzazione di mercato, ciascuna delle quali presenta specificità con riferimento alla qualità dei prezzi praticati, alle modalità della loro diffusione, al livello di trasparenza delle negoziazioni, ai costi di informazione e di transazione e alla tipologia di intermediari in esso operanti. Tenuto conto delle diverse forme organizzative adottate si possono individuare quattro tipologie di mercato. 1.2.1 Il mercato a ricerca autonoma Questa può essere considerata la forma organizzativa più elementare in quanto i singoli investitori che vanno alla ricerca della controparte, sopportano perciò i costi di informazione e di transazione relativi alla negoziazione dei titoli. Poiché la ricerca della controparte non comporta l’assistenza di alcun intermediario, è quasi certo che, qualora si realizzi uno scambio di titoli, questo avvenga a condizioni di prezzo sub-ottimali. Ciò in quanto l’incidenza degli oneri di informazione e del tempo impiegato per individuare la contropartita migliore possono indurre l’investitore a limitare la ricerca della controparte a quella che soddisfi la maggior parte delle sue richieste, ma non è detto che esse siano le migliori condizioni disponibili sul mercato. Quindi, il prezzo al quale avviene lo scambio dello strumento finanziario non può certo essere individuato come il “prezzo perfetto”, inoltre, la ricerca autonoma della controparte a opera dell’investitore ha effetti negativi sul grado di liquidità del titolo. La mancanza di intermediari in questo tipo di mercato comporta una ridotta entità del volume di scambi in esso attivabile, talmente modesto da non rendere conveniente ad alcun intermediario fornire agli investitori, a fronte di una remunerazione, qualunque forma di servizio.

Anteprima della Tesi di Massimo Speltri

Anteprima della tesi: Insider trading ed efficienza dei mercati finanziari. L'impatto dell'evoluzione della normativa di riferimento in Italia., Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Massimo Speltri Contatta »

Composta da 251 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6119 click dal 03/09/2004.

 

Consultata integralmente 39 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.