Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Insider trading ed efficienza dei mercati finanziari. L'impatto dell'evoluzione della normativa di riferimento in Italia.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 1.2.2 Il mercato di broker In questa forma di mercato è previsto l’intervento di una particolare categoria di intermediari (chiamati “broker”) i quali, dietro il pagamento di una commissione, assolvono il compito di ricercare contropartite alla propria clientela. Essi, sono intermediari puri, nel senso che la loro funzione consiste nel promuovere e agevolare l’incontro tra investitori che intendo acquistare dei titoli e investitori che intendono vendere gli stessi titoli. I broker, offrono un servizio di ricerca della contropartita per conto della clientela senza peraltro divenire essi stessi contropartita diretta. Poiché la remunerazione per l’attività di intermediazione da essi svolta avviene solo all’effettiva conclusione della negoziazione dello strumento finanziario, i broker hanno convenienza ad operare solo in mercati nei quali il volume delle negoziazioni attivabili è rilevante. Solo a questa condizione essi saranno in grado di ottenere un flusso di commissioni adeguato a coprire i costi sostenuti per effettuare il proprio servizio di intermediazione. Quanto detto sopra vale anche per l’investitore che, avrà convenienza a rivolgersi al broker in quanto le forme corrisposte all’intermediario sotto forma di commissioni di intermediazione non potranno che essere di importo inferiore al costo che egli altrimenti avrebbe dovuto sostenere per la ricerca della controparte. All’investitore non è data la certezza di trovare contropartita al proprio ordine, il broker non garantisce l’esecuzione dell’ordine, ma solo la ricerca dell’eventuale controparte. Di conseguenza l’investitore non è sollevato dal rischio di mancata esecuzione dell’ordine. Allo stesso modo, il broker, non ha la certezza di concludere l’affare (e quindi di lucrare le commissioni) nonostante si adoperi per ricercare la controparte; per tale motivo hanno convenienza a privilegiare ordini di compravendita di importo unitario elevato dotandosi nel contempo di strutture operative che gli consentono di contrattare in breve tempo il numero più elevato possibile di potenziali controparti. Sebbene i prezzi degli scambi effettuati con l’intervento dei broker risultino di qualità superiore alla qualità dei prezzi che si formano in un mercato a ricerca autonoma, nemmeno un mercato di broker assicura prezzi perfetti. Infatti, ancora una volta i prezzi derivano da una trattativa bilaterale, e non necessariamente sono il risultato di un meccanismo di comparazione tra tutte le potenziali controparti.

Anteprima della Tesi di Massimo Speltri

Anteprima della tesi: Insider trading ed efficienza dei mercati finanziari. L'impatto dell'evoluzione della normativa di riferimento in Italia., Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Massimo Speltri Contatta »

Composta da 251 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6119 click dal 03/09/2004.

 

Consultata integralmente 39 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.