Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La crescita economica europea

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 In Europa il fenomeno ha preso il nome di “eurosclerosi”. Questo termine indica che i paesi europei hanno avuto una scarsa capacità di generare flussi addizionali d’occupazione nelle fasi d’espansione economica quindi, non riuscendo a compensare nelle fasi d’espansione le perdite d’occupazione registrate nelle fasi di recessione, si sono andati assestando su equilibri del mercato del lavoro caratterizzati da livelli di disoccupazione di carattere permanente più elevati rispetto al passato. 2 Inoltre, la disoccupazione europea sembra essere caratterizzata da una crescente contrazione dei flussi in uscita dalla disoccupazione (lavoratori disoccupati che trovano lavoro) piuttosto che da flussi in entrata (lavoratori licenziati), ciò per effetto di una diminuita possibilità di trovare lavoro una volta divenuti disoccupati piuttosto che di un’aumentata possibilità di perderlo se occupati (Caroleo, 2000). La conseguenza è un consistente aumento della disoccupazione di lunga durata che contribuisce oggi per più del 50% al tasso di disoccupazione di buona parte dei paesi europei. 3 La crescita della disoccupazione strutturale è giustificata sulla base della riorganizzazione istituzionale in Europa a seguito degli shocks avversi verificatesi negli anni ’70 e che possono essere riassunti in: 1. caduta del tasso di crescita della produttività del lavoro a seguito della rivoluzione tecnologica; 2. aumento del tasso d’interesse reale; 3. spostamento della domanda di lavoro verso il basso a seguito delle decisioni delle imprese, a partire dagli anni ’80, di aumentare la quota di capitale fisico sul prodotto dopo un lungo periodo di riduzione negli anni ’60 e ’70. 4 2 Scarpetta (1996); Caroleo (2000). 3 Lindbeck (1994), Caroleo (2000); Lyungqvst, Sargent (2002); Layard, Nickell e Jeckman (1991) 4 Caroleo (2000); Lyungqvst, Sargent (2002).

Anteprima della Tesi di Alessandra Monci

Anteprima della tesi: La crescita economica europea, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessandra Monci Contatta »

Composta da 119 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5590 click dal 08/09/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.