Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Storia e testimonianza: i Mémoires di Philippe de Commynes (1447-1511)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

INTRODUZIONE «culture d’un ‘non lettré’» 12 , tentando di sgomberare il campo dall’immagine di un Commynes «sans culture», nell’ambito della fortuna dell’opera – cui contribuirono, tra gli altri, Bodin, Gentillet, Lipsio, Guicciardini, Giovio – fu proprio l’assenza di una cultura umanistica dell’autore a destare la fervida ammirazione nel pubblico dei suoi lettori. Anche un nunzio apostolico, come il cremonese giurisperito Cesare Speciano, richiama il Commynes quale uomo savio e prudente. Ciò avviene non a caso in quanto, afferma Carta, «L’ignoranza delle lettere e della scienza diviene motivo di ammirazione, poiché ne risulta accresciuto il valore acquisito per il solo tramite dell’esperienza» 13 . Stando a Lipsio, la cui opinione fu largamente condivisa e riproposta lungo tutto il ‘500, i Mémoires andavano letti come un compendio di politica fondato sulla viva esperienza dell’autore. Philippe de Commynes, degno di essere accostato ai migliori storici dell’antichità, aveva scritto i suoi Mémoires al modo di Polibio, penetrando gli arcani della politica con rara maestria e distillando, a beneficio del lettore, precetti e ammaestramenti di singolare utilità pratica. Il fatto che Commynes mai avesse letto Polibio o altri storici antichi, scriveva Lipsio, contribuiva ad accrescere il valore dei Mémoires e il merito del suo autore per aver condotto tale impresa solamente con l’esperienza e con una certa bontà di giudizio. Fin dalla loro prima circolazione a stampa, i Mémoires si presentarono come un nuovo modello di scrittura politica. Ciò che più colpiva, come testimonia il giudizio di Lipsio, era la «scienza» di Commynes, improntata sul buon senso per gli affari politici ed, in assoluto, 12 J. BLANCHARD, Introduction, in PHILIPPE DE COMMYNES, Mémoires, cit., pp. 29-33. 13 P. CARTA, Ricordi politici. Le «Proposizioni civili» di Cesare Speciano e il pensiero politico del XVI secolo, XXXVII (Università degli Studi di Trento - Dipartimento di scienze giuridiche), Trento, 2003, pp. 25-26. 8

Anteprima della Tesi di Laura Lago

Anteprima della tesi: Storia e testimonianza: i Mémoires di Philippe de Commynes (1447-1511), Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Laura Lago Contatta »

Composta da 180 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1532 click dal 27/09/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.