Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Distretti produttivi, prerequisiti ambientali e apprendimento. Un'analisi del polo di Barletta

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 2 - I distretti in Italia 14 Capitolo 2 I distretti in Italia 2.1 Secondo il Club dei distretti Quando si analizza una realtà economica è molto importante, secondo Becattini, individuare un’entità, isolarla e studiarla in maniera specifica, ma soprattutto individuare il terreno di studio in cui tale entità si sviluppa (Becattini, 1987, p. 35). Ecco perché, ho pensato di studiare il fenomeno dei distretti in Italia. I sistemi locali del lavoro e i distretti industriali costituiscono suddivisioni del territorio che, prescindendo dalle classificazioni amministrative, sono in grado di mettere in risalto l’articolazione nello spazio di particolari fenomeni e di offrire informazioni necessarie, ad esempio, per la programmazione dei servizi e delle infrastrutture. Per questo, possiamo considerare l’individuazione dei sistemi locali, come una nuova chiave di lettura del territorio. A questo punto è necessario evidenziare le varie opinioni, che i diversi enti di ricerca esprimono, sui distretti, per quanto riguarda il numero, la distribuzione sul territorio italiano e le merci prodotte, considerando soprattutto le varie leggi che si sono susseguite nel tempo e che hanno contribuito a definire il profilo dei distretti italiani. La prima opinione che analizziamo è quella del “Club dei Distretti”, il quale, in una sua raccolta dati, rileva che in Italia vi sono ottantacinque distretti, tra cui dieci nel Mezzogiorno d’Italia (tab. 2.1). Le attività produttive svolte nei distretti, sono le più diverse e variano dalla produzione di gioielli alla produzione di pelli. Con l’aiuto della tabella e dei grafici è facile notare che la maggior parte dei distretti è situata al centro nord del paese. Invece nel sud Italia, i maggiori distretti compaiono in Campania, Puglia e Sardegna.

Anteprima della Tesi di Maria Bracco

Anteprima della tesi: Distretti produttivi, prerequisiti ambientali e apprendimento. Un'analisi del polo di Barletta, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Maria Bracco Contatta »

Composta da 152 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1686 click dal 08/09/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.