Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Heidegger e l'abitare poetico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 all’irreale della semplice rappresentazione fantastica» 4 o, tutt’al più, «orna- mento del pensiero». 5 Noi non riflettiamo ancora abbastanza sulla vicinanza che c’è fra pensiero e poesia. 6 Denken (pensare) ha la stessa radice di dichten (poetare). Il pensiero è poesia in senso essenziale. Non poesia, cioè, intesa come «arte della parola» (Poesie), bensì poesia intesa come Dichtung, come «instaurazione [Stiftung] della verità» 7 , come compimento, cioè, della manifestabilità dell’Essere. Ma che cosa significa, propriamente, «compimento della manifestabilità dell’Essere»? Ascoltiamo Heidegger: «Noi non pensiamo ancora in modo abbastanza de- cisivo l’essenza dell’agire. Si ritiene che l’agire sia solo il fatto di produrre ef- fetti, la cui realtà è valutata in base alla loro utilità. L’essenza dell’agire invece è il portare a compimento [das Vollbringen]. Portare a compimento significa: sviluppare qualcosa nella pienezza della sua essenza, accompagnare in questa pienezza, “producere”. Dunque può essere portato a compimento in senso proprio solo ciò che già è; ma ciò che prima di tutto “è”, è l’Essere. Il pensiero “compie” [vollbringt] la relazione dell’Essere all’essenza dell’uomo. Non che esso produca o provochi questa relazione. Il pensiero la offre all’Essere solo come ciò che a lui stesso è consegnato dall’Essere. Questo offrire consiste nel 4 M. Heidegger, Holzwege, Klostermann, Frankfurt a. M. 1950; trad. it. a cura di P. Chiodi, Sentieri interrotti, La Nuova Italia, Firenze 1968; p. 56 della ristampa del novembre 1979. 5 Brief über den Humanismus, trad. cit., p. 128. 6 Parafrasando un altro passo del Brief über den Humanismus (trad. cit., p. 99), fac- ciamo rilevare che qui è con «intenzione ed attenzione» che diciamo «c’è». In tede- sco, infatti, «c’è» suona «es gibt», che letteralmente significa «esso dà». L’«es» che dona la vicinanza fra pensiero e poesia è l’Essere stesso. Per una concreta «espe- rienza» di questa vicinanza, si legga, di M. Heidegger, Aus der Erfahrung des Den- kens, Pfullingen 1954, trad. it. di A. Rigobello, Pensiero e poesia, Armando Edito- re, Roma 1977. 7 Holzwege, trad. cit., p. 58.

Anteprima della Tesi di Gennaro Senatore

Anteprima della tesi: Heidegger e l'abitare poetico, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Gennaro Senatore Contatta »

Composta da 157 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6226 click dal 08/09/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.