Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'iniziativa INTERREG per favorire la cooperazione transfrontaliera, transnazionale e interregionale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1 Introduzione “L’Europa non potrà farsi in una sola volta, né sarà costruita tutta insieme; essa sorgerà da realizzazioni concrete che creino anzitutto una solidarietà di fatto…” Robert Schuman Il problema della disparità di sviluppo sociale ed economico di determinate aree geografiche rispetto ad altre, all’interno dell’Unione Europea, non è certo una novità: si tratta di una questione che l’Unione affronta praticamente da sempre, ed è connaturata alla sua stessa struttura, che riunisce nazioni, popoli, tradizioni, culture risultanti da percorsi storici e politici tra i più diversi. Soltanto agli albori dell’Unione, nell’immediato dopoguerra, c’era la Germania, uscita sconfitta dal conflitto e segnata in modo incancellabile dagli orrori del regime nazista; l’Italia, appena uscita da una sanguinosa guerra civile e costituitasi come Repubblica dopo ottant’anni di monarchia e venti di dittatura fascista; la Francia, antica potenza continentale, tra i paesi vincitori della guerra ma anch’essa duramente provata da anni di occupazione militare; infine, i tre stati del Benelux . Lo scenario internazionale, poi, era particolarmente delicato, con un mondo che andava dividendosi tra il blocco “atlantico” alleato agli USA da una parte, e il blocco comunista alleato all’allora Unione Sovietica dall’altra, in uno scenario di “guerra fredda” che sarebbe durato fino al crollo del muro di Berlino nel 1989. A tale proposito vale la pena di ricordare come furono gli stessi Stati Uniti, immediatamente dopo la fine della guerra, a dare una prima spinta verso una coesione politica ed economica degli stati europei, in un ottica di ricostruzione post-bellica e, soprattutto, di creazione di un blocco di stati “fedeli” politicamente, in contrapposizione ai paesi dell’Europa orientale legati all’Unione Sovietica. A seguito di questa politica, nacquero nel 1948 l’OECE (Organizzazione Europea per la Cooperazione Economica), e un anno dopo la NATO. Con il passare degli anni, gli stati europei iniziarono a riacquistare una propria identità politica, e a muovere i primi passi in autonomia.

Anteprima della Tesi di Stefano Zanotti

Anteprima della tesi: L'iniziativa INTERREG per favorire la cooperazione transfrontaliera, transnazionale e interregionale, Pagina 1

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Stefano Zanotti Contatta »

Composta da 64 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1302 click dal 16/12/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.