Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il franchising internazionale nel settore moda

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Il sistema franchising 10 1.5.2 Il know how Per know how si intende un patrimonio di conoscenze pratiche non brevettate derivanti da esperienze e da prove eseguite dall’affiliante, patrimonio che è segreto, sostanziale ed identificato 19 . In altre parole, il know how è quel complesso di metodi operativi, conoscenze, procedure che mettono in grado un operatore di diventare un affiliato di rete in franchising. Il know how è un elemento importantissimo, che permette all’affiliato di beneficiare di un vantaggio concorrenziale immediato. Il know how deve essere segreto e sostanziale 20 . Segreto in quanto non è generalmente noto né facilmente accessibile; non è limitato nel senso che ogni componente individuale del know how dovrebbe essere totalmente sconosciuto e non ottenibile al di fuori dell’attività dell’affiliante. Secondo la Commissione Europea la segretezza non deve riguardare tutti gli elementi di conoscenza che compongono il know how. Alcune componenti, prese singolarmente possono essere già note o facilmente riproducibili da imprese diverse da quelle dell’affiliante. Ciò che assume rilevanza, pertanto è che l’insieme di conoscenze sia un sistema unico e protetto. Il know how sostanziale si caratterizza nei seguenti modi: comprende conoscenze importanti per l’attività di vendita, di produzione o di prestazioni di servizi; si tratta, pertanto, di conoscenze rilevanti e di effetto pratico e, infine, deve produrre un beneficio economico diretto all’affiliato. Apprendere il know how dell’affiliante deve tradursi nella capacità di condividere lo stesso vantaggio competitivo che ha determinato il successo economico di quest’ultimo e, di conseguenza, deve tradursi nella possibilità di trarne un diretto e quantificabile beneficio economico. 19 Regolamento CEE 4087/1998, art 1 comma 3, lett f 20 Regolamento CEE 4087/1998 art 1 comma 3 lett g, h,i,

Anteprima della Tesi di Maria Rosaria Lagrasta

Anteprima della tesi: Il franchising internazionale nel settore moda, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Maria Rosaria Lagrasta Contatta »

Composta da 144 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10073 click dal 08/09/2004.

 

Consultata integralmente 58 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.