Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il franchising internazionale nel settore moda

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Il sistema franchising 3 1.3 Lo sviluppo del franchising in Europa La diffusione del franchising in Europa si è accompagnata a modificazioni ed adattamenti della formula: con il passare del tempo, il fenomeno si è diffuso e si sono via via modificate le caratteristiche delle parti. Nella prima fase, il franchising si configurava, in Europa, come una forma di sfruttamento del mercato da parte di forti franchisor americani 6 , mentre, successivamente, si svilupparono sempre più frequentemente intese fra partner di origine europea 7 . Occorre, inoltre, rilevare che nei singoli ordinamenti europei il franchising ha trovato degli adattamenti e delle caratterizzazioni per rendere la figura contrattuale maggiormente adeguata ai singoli mercati nazionali. In altri termini possiamo dire che in Europa si è affermata una forma di franchising sostanzialmente diversa rispetto a quella americana. Le principali differenze sono le seguenti: in primo luogo, se il franchisee americano è portato a prendere decisioni in modo estremamente rapido, impegnando anche cifre rilevanti, non si può dire altrettanto degli europei, molto più cauti e maggiormente ponderanti nella valutazione preventiva. Nel franchising americano l’operatore è, soprattutto, sollecitato dalla prospettiva di poter assurgere al ruolo di imprenditore autonomo, mentre in Europa il contratto di affiliazione commerciale è visto come un possibile strumento per limitare il rischio 8 . Altro aspetto che distingue le due esperienze, è la forte riluttanza da parte del franchise europeo (e non di quello americano) a pagare un rilevante diritto d’entrata (entry fee) preferendo, al massimo, il versamento di una royalty più alta; ciò nell’intento, da una parte di evitare l’assunzione di un rischio eccessivo e dall’altra di avere nel franchisor un partner effettivo, in modo da poterne condizionare l’assistenza e la consulenza durante il rapporto di franchising. 6 Bacchini F. op. cit., 1999 7 Bacchini F., op. cit., 1999 8 Devasini P., Il sistema franchising., Etaslibri, Milano, 1990,

Anteprima della Tesi di Maria Rosaria Lagrasta

Anteprima della tesi: Il franchising internazionale nel settore moda, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Maria Rosaria Lagrasta Contatta »

Composta da 144 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10074 click dal 08/09/2004.

 

Consultata integralmente 58 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.