Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fenomeni di trasporto in carrier farmaceutici

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 4 CAPITOLO 1 Il rilascio controllato 1.1 Introduzione L’obiettivo principale della ricerca in ambito farmaceutico, in passato, era la formulazione di nuovi principi attivi, la scoperta di nuove strutture molecolari, mentre veniva spesa minore attenzione per il modo in cui tali agenti farmacologici dovevano essere assunti. La somministrazione convenzionale non è però in grado di garantire una concentrazione costante del principio attivo nell’organismo né di agire direttamente sull’organo malato, costringendo così il paziente ad assunzioni ripetute e di dosaggio maggiore, con conseguenti effetti collaterali, specialmente nel caso di farmaci forti, come gli agenti antitumorali. Pertanto, per rendere più efficaci le terapie mediche, e limitare gli effetti indesiderati sull’organismo, si cerca ogni giorno di più di andare ad agire solo dove è necessario, mirando ad avere un’alta concentrazione del farmaco nel tessuto malato, e trascurabile altrove. Inoltre, per il miglioramento della qualità di vita del malato, si tenta di ridurre il numero di somministrazioni, garantendo una copertura farmacologica prolungata nel tempo. Il metodo di somministrazione alternativo a quello convenzionale che consente il raggiungimento di tali obiettivi è quello a rilascio controllato.

Anteprima della Tesi di Miriam Petitti

Anteprima della tesi: Fenomeni di trasporto in carrier farmaceutici, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Miriam Petitti Contatta »

Composta da 180 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2355 click dal 10/09/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.