Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Cost management e orientamento ai processi.Analisi di un caso aziendale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 Capitolo primo I processi aziendali e l’economia d’impresa 1.1 Logiche di process management e governo delle risorse economiche: aspetti introduttivi Il concetto di processo è un elemento certamente non nuovo nell’ambito degli studi aziendali e manageriali (Dossi, 2001a; Roffia, 2002); a livello semantico implica una idea di sequenzialità, di flusso che collega un punto di partenza ad un punto di arrivo. Dietro a questa concettualità visiva, schematica, apparentemente semplice e lineare, si nasconde una problematica dotata di un elevato grado di complessità 1 : la descrizione dell’attività e degli accadimenti d’azienda in un’ottica olistica (Collini, 2001). Appare evidente come questo proposito richieda un notevole sforzo cognitivo, per la spiccata multidimensionalità e poliedricità del concetto. La proposizione classica di un’azienda, cristallizzata nelle proprie routine, scomposta verticalmente in unità funzionali (Airoldi et al., 1994) è stata a lungo dominante negli studi di management e nelle tecniche di gestione; la forza del paradigma gerarchico-funzionale, risiede nel concentrato di autorità e di specializzazione tecnologica che caratterizzano quest’ultimo (Beretta, 2001a; Leavitt, 2003): lo sfruttamento delle economie di scala, offerte da funzioni aggregate per competenze, è stato il motivo fondamentale della pervasività e della diffusione di questo modello organizzativo; le minuziose suddivisioni dei compiti (Rugiadini, 1979) e le profonde analisi di progettazione micro-strutturale (Grandori, 1995) testimoniano il profondo grado di complessità, che si nasconde, nelle “pieghe” di una struttura di questo tipo 2 (Biffi e Pecchiari, 1998a; Porter, 1985; Coda, 1995; Adamson e Dilts, 1999). 1 Descritta come la “somma logica di varianza ed indeterminazione. La varianza può consistere in differenziazioni che si sviluppano nello spazio (varietà sincroniche, coesistenti allo stesso momento) o nel tempo (variabilità diacronica, dovuta a cambiamenti che intervengono nel tempo). Solo una parte della complessità si dà in forma libera, non controllabile. La maggior parte della varianza e dell’indeterminazione che sono presenti nelle società industriali sono invece direttamente o indirettamente governate da meccanismi o attori che usano le conoscenze e le relazioni di cui dispongono per selezionare ex ante le varianti maggiormente utili o per utilizzare ex post, in modo appropriato, quanto avviene negli spazi di indeterminazione lasciati al caso o al libero gioco delle forze. In tal modo, selezionando ex ante o ex post, la complessità libera viene continuamente convertita in complessità governata, ossia in strutture che hanno un contenuto di conoscenze e di relazioni crescente. La complessità di una situazione, indirettamente, può essere “misurata” attraverso la quantità e la qualità delle conoscenze/relazioni che sono richieste per rendere governabile la varianza e l’indeterminazione presenti in quella situazione.” (Rullani E., Dal fordismo realizzato al postfordismo possibile: la difficile transizione, in Rullani E.-Romano L. (a cura di), Il postfordimo. Idee per il capitalismo prossimo venturo, Etaslibri, Milano, 1998, nota 9 pag. 75). Secondo S. Vicari la complessità ambientale, subentrata negli ultimi anni, ha sconvolto il substrato sostanzialmente omeomorfo in cui operavano le imprese “fordiste”. Nota quindi come “ tutte le possibili interpretazioni di complessità (…) sono tali solo in quanto in esse irrompa l’instabilità, l’allontanarsi di un punto d’equilibrio. L’eteromorfismo, il cambiamento, la de-banalizzazione, la contraddizione, la compressione e l’allungamento sono in modi più o meno accurati, percepibili, verificabili, in qualche caso persino misurabili, ad essi possono addirittura essere associate leggi. Ciò che caratterizza oggi la complessità è invece la questione della non prevedibilità dei fenomeni. (La prospettiva della complessità, prefazione di A.A V.V., Complessità e managerialità, Egea, Milano, 1991). 2 A tal proposito osservano Hammer e Champy: “Sotto l’influenza del principio di Adam Smith della disaggregazione del lavoro nei suoi compiti elementari e dell’assegnazione di ciascun compito ad uno specialista, le moderne aziende e i loro manager si focalizzano sulle singole fasi del processo (…) e tendono a perder di vista l’obiettivo più importante,

Anteprima della Tesi di Andrea Brambati

Anteprima della tesi: Cost management e orientamento ai processi.Analisi di un caso aziendale, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Brambati Contatta »

Composta da 247 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7594 click dal 10/09/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.