Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La crisi del calcio italiano: dal caso Lentini al decreto salva-calcio

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 Questo spingeva l’ex presidente del Torino a confessare alla magistratura che il gruppo Fininvest gli aveva pagato un acconto segreto di circa 7 miliardi in Svizzera per l’acquisto di Lentini. Dall’inchiesta giudiziaria del pool di ”Mani Pulite” emergeva addirittura il sospetto che durante il campionato 1992-93 il Milan fosse stato azionista occulto del Torino ma tutto veniva prontamente archiviato. Mauro Borsano era condannato dal Tribunale di Torino a 40 mesi di carcere per bancarotta fraudolenta, falso in bilancio e appropriazione indebita per il crac del suo gruppo finanziario. Per quanto riguarda le posizioni di Silvio Berlusconi e Adriano Galliani, amministratore delegato di Fininvest e vice presidente del Milan, probabilmente non si avrà mai una sentenza visto che nel maggio 1998 erano rinviati a giudizio per falso in bilancio e che le nuove norme sui reati societari hanno svuotato i poteri della procura in quanto di fatto non sussiste più reato. Nonostante tutti questi interrogativi senza risposta è indubbio che il caso Lentini abbia profondamente modificato la mentalità dell’industria del pallone incanalandola sulla strada del gigantismo, dello spreco insensato di risorse e, infine, della crisi attuale. La sfida tra presidenti non si faceva attendere più di tanto e aveva influenze decisamente negative sui bilanci delle società: nel 1994 la Juventus registrava una perdita di 55 miliardi di lire mentre il Milan riusciva a limitare il passivo stagionale a soli 4 miliardi grazie a un doppio assegno di 50 miliardi della Fininvest. A seguito di questi campanelli d’allarme e del tentativo di varie società di stare al passo di Juventus e Milan, il calcio italiano iniziò a invocare nuove regole all’insegna dell’austerità. 1 1 R. Liguori, M. Vincenzi, “Autogol! Il campionato ha fatto crac”, pag. 16.

Anteprima della Tesi di Federico Valdambrini

Anteprima della tesi: La crisi del calcio italiano: dal caso Lentini al decreto salva-calcio, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Federico Valdambrini Contatta »

Composta da 161 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8558 click dal 13/09/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.