Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dromocrazia e semiocrazia - Una lettura della società postmoderna in Virilio e Baudrillard

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

VII Virilio definisce questo modello sociale e politico Dromocrazia, opponendolo a quello della Democrazia. Dall’avvento negli Stati Uniti del «turbo-capitalismo» e sullo scenario politico europeo della «telecrazia» all’americana, si manifestano nella società quei caratteri della Dromocrazia che preoccupano Virilio. Il secondo capitolo tratta del nichilismo del simbolo che per Baudrillard ha scalzato la Realtà. I simulacri, retti da un sistema autoreferenziale, hanno sostituito la sostanza degli oggetti e il significato della dialettica valore/simbolo, così come veniva schematizzato nell’analisi marxista. Quello che chiamiamo Realtà, è una somma di avvenimenti e fatti che si ripetono e si riproducono in maniera parossistica a simulazione del reale. In riferimento all’attualità, non si può parlare di guerre e terrorismo «reali», se non nella misura del loro rapporto con la morte e il sacrificio, quali estremi residui della realtà scagliati contro l’oblio provocato dalle tecnologie digitali dei media. Da quest’analisi, anche la politica ne esce come un prodotto degradato a vuoto simulacro dell’epoca postindustriale o postmoderna, epoca in cui si ha la fine della Storia moderna e l’affermarsi del transpolitico e nella quale, all’avanzare del Dominio dei Segni (Semiocrazia), risponde il sacrificio simbolico dei kamikaze terroristi. Nella simulazione della realtà, la parte principale è giocata dai media digitali, capaci di monopolizzare la percezione umana e imporre un modello di comunicazione unilaterale. Nel terzo capitolo è presente il confronto, basato su pubblicazioni di saggi, interviste e articoli di giornale fra le posizioni di Virilio e Baudrillard, in relazione agli avvenimenti del decennio compreso fra la Prima Guerra del Golfo e l’attacco terroristico al World Trade Center di New York. Entrambi concordano sulla sostanziale scomparsa della realtà della morte in guerra, in un flusso inarrestabile d’immagini e informazioni: nella Guerra del Golfo con l’imporsi degli eventi alla velocità delle cronache della CNN e della censura preventiva; nell’attentato dell’11 Settembre

Anteprima della Tesi di Daniele Bartolini

Anteprima della tesi: Dromocrazia e semiocrazia - Una lettura della società postmoderna in Virilio e Baudrillard, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Daniele Bartolini Contatta »

Composta da 100 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5844 click dal 13/09/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.